Dietrofront Lazio, Reja resta in panchina

Reja_sliderAlla fine il tecnico goriziano rimane alla guida della Lazio. “Con Tare tutto chiarito, ci siamo abbracciati. Ora priorità il derby”

 

ROMA – Terremoto in casa Lazio. Per la seconda volta in questa stagione il tecnico biancoceleste Edy Reja ha rassegnato le dimissioni. Ma ora sembra più deciso che mai a lasciare il club biancoazzurro. D’altronde non sono arrivate come un fulmine a ciel sereno, visto che già ieri sera il ct aveva avuto uno scontro piuttosto duro a Formello durante un incontro con il presidente Lotito e il direttore sportivo Tare.

Le dimissioni dell’allenatore goriziano sono comunque diventate un caso. Soprattutto perché maturate alla vigilia di una partita importante per il futuro della squadra in Europa League, quella contro l’Atletico Madrid di Simeone. Alle 17 di questo pomeriggio infatti è previsto il decollo per la capitale spagnola, ma Reja ha dichiarato che non sarebbe salito a bordo.

Anche se c’è un piccolo giallo: pare, infatti, che il tecnico sia comunque salito insieme ai giocatori sul bus che li porterà a Fiumicino. Resta da capire se le dimissioni sono rientrate o se l’allenatore per senso di responsabilità abbia deciso di non abbandonare la squadra alla vigilia della sfida del Vicente Calderon. Se invece dovesse essere confermata la sua assenza, al suo posto, con ogni probabilità, siederebbe in panchina l’allenatore della Primavera Bollini. In preallarme per la gara di serie A contro la Fiorentina di domenica prossima anche Simone Inzaghi in veste di coach.

Già impazza intanto il toto-allenatore: per la stagione in corso si parla di De Canio, mentre per la prossima potrebbe esserci il ritorno a Roma di Sinisa Mihajlovic. Tuttavia, la società sembra orientata a non accettare le dimissioni. Dopo aver letto la lettera in cui l’ex ct spiegava i motivi della sua decisione, il presidente Lotito si è precipitato a Formello per tentare di ricomporre la frattura e convincere Reja a ritornare sui suoi passi. Ma ogni tentativo finora  sembra essere andato a vuoto.

I rapporti tra il tecnico e la società si sono incrinati nelle ultime settimane, in seguito ad un mercato invernale che ha lasciato l’amaro in bocca non solo ai tifosi ma soprattutto all’allenatore, e alle recenti sconfitte della squadra in Europa e in campionato (il 5-1 di Palermo ha lasciato il segno), nonostante i biancocelesti siano ancora ad un passo dalla vetta, appena dietro il Milan e la Juventus.

Potrebbero interessarti anche