8:03 | Le pagelle di Roma-Lazio

Il confronto numero 166 nella storia della stracittadina della Capitale sorride alla Lazio che supera per 2 a 1 la Roma estromettendo, di fatto, i ‘cugini’ dalla corsa alla qualificazione in Champions League.

L’episodio determinante del match accade all’ottavo minuto, quando Stekelenburg atterra in area Klose e l’arbitro Bergonzi opta per il rigore e l’espulsione del portiere. I marcatori di giornata sono Hernanes e Mauri per i biancocelesti e Borini tra i giallorossi.

Tra gli uomini di Luis Enrique bene il brasiliano Juan mentre, in negativo, si segnala la prestazione del suo compagno di reparto Heinze. Nell’undici di Reja, oltre agli autori del goal, bene anche Garrido sulla fascia sinistra.

ROMA

Stekelenburg sv – Espulso dopo una manciata di minuti per un fallo giudicato da ultimo uomo su Klose.

Taddei 5 – Fino al raddoppio biancoceleste, si affaccia raramente nella metà campo avversaria. Tenta il tutto per tutto nel finale ma lascia ampi varchi alle sue spalle.

Heinze 4,5 – Sbaglia con superficialità un passaggio in orizzontale dando il là all’azione che porta al rigore. Nervoso e meno sicuro del solito al centro della difesa.

Juan 6,5 – Puntuale, pulito e preciso in chiusura in più di un’occasione. Nell’azione del pareggio colpisce la traversa da posizione defilata. Secondo tempo super, macchiato solo dall’episodio del goal di Mauri dove non è impeccabile nell’attuare il fuorigioco. Dal 76′ Bojan sv.

J. Angel 5 – Passano i mesi ma da parte dello spagnolo faticano a vedersi miglioramenti. Solita partita alla ‘vorrei ma non posso’.

De Rossi 5,5 – In inferiorità numerica, arretra ulteriormente il proprio raggio d’azione diventando, di fatto, il terzo centrale aggiunto. Non riesce a trascinare la squadra.

Simplicio 5 – Il brasiliano, preferito dall’allenatore a Greco e Marquinho, fatica a trovare la posizione giusta e sbaglia tantissimi appoggi elementari.

Pjanic 5 – Per larghi tratti del match rimane completamente avulso dalla manovra giallorossa. Si conferma il periodo di flessione per il centrocampista bosniaco che, peraltro, esce per infortunio. Dal 57′ Marquinho 5,5 – Prova a dare una scossa alla squadra ma invano.

Lamela sv – Dal 9′ Lobont 6 – Entra a freddo e non riesce a neutralizzare il rigore di Hernanes. Sul goal di Mauri, forse poteva osare un’uscita.

Totti 5,5 – Reja gli costruisce una gabbia intorno ed il capitano non riesce a trovare le chiavi per la libertà. Subisce tanti falli che ne pregiudicano l’inventiva.

Borini 6,5 – Molto intraprendente fin dal fischio d’inizio, gioca a tutto campo e dà profondita alla manovra giallorossa. Da bomber di razza, al 16′ si fa trovare nel posto giusto al momento giusto e non fallisce l’appuntamento con il goal.

All. Luis Enrique 5,5 – Difficile giudicare la preparazione alla gara del tecnico asturiano. Dopo pochi minuti è costretto a ridisegnare la squadra per l’espulsione di Stekelenburg. Forse, poteva azzardare prima la mossa Bojan.

LAZIO

Marchetti 6 – Poco impegnato dagli attaccanti romanisti, non ha particolari responsabilità sul goal.

Scaloni 5 – In dfficoltà contro la velocità degli avversari, spesso è costretto a ricorrere alle maniere forti. Espulso nel finale per somma di cartellini.

Biava 5,5 – Come Heinze dall’altra parte del rettangolo verde, oggi appare piuttosto insicuro.

Dias 6 – Si prende cura di Totti inseguendolo in lungo e in largo e non risparmiandogli qualche entrata ai limiti del regolamento.

Garrido 6,5 – Molto bene quando si propone, con qualità, sulla fascia sinistra.

Ledesma C. 6,5 – Qualche lancio ed apertura di gioco interessante. Da una sua punizione nasce l’azione del goal di Mauri.

Matuzalem 6 – Corre e lotta in mezzo al campo, rivelandosi uno dei più vivaci tra gli uomini di Reja.

Gonzalez 5.5 – Quando entra a partita in corso, ha un impatto maggiore. Si propone poco contro un avversario, Jose Angel, non irreprensibile.

Hernanes 6 – Realizza, con freddezza, dal dischetto portando in vantaggio i biancocelesti.Sul 2 a 1, ha sui piedi il pallone che potrebbe chiudere la partita ma perde l’attimo giusto. Dal 87′ Diakitè sv.

Mauri 6,5 – Ancora non al meglio per il lungo periodo di inattività, si riconcilia con il mondo del calcio trovando la zampata vincente che regala la vittoria alla Lazio. Dal 85′ Alfaro sv.

Klose 6,5 – Bravo a guadagnarsi il ‘penalty’ in apertura di gara. Pur isolato in avanti, riesce ad impensierire da solo il reparto difensivo avversario.

All. Reja 6,5 – La gara si mette subito in discesa grazie al rigore più espulsione nei primi minuti di gioco. Gestisce bene, con calma e senza esasperazioni, la superiorità numerica.

Arbitro Bergonzi 5 – All’ottavo minuto subito un episodio decisivo: Stekelenburg atterra Klose lanciato a rete; l’arbitro assegna, correttamente, il rigore ma il cartellino rosso appare una decisione troppo severa. Al 16′, sul pareggio romanista, le immagini danno ragione al guardalinee: la palla ha varcato interamente la linea di porta. Perplessità sulla distribuzione dei cartellini gialli: molte ammonizioni appaiono eccessive, altre mancano all’appello.

Potrebbero interessarti anche