14:38 | Uccise Maricica, l’infermiera, con pugno: chiesta condanna a 20 anni

Venti anni di reclusione: è la richiesta di condanna fatta dal pm Antonio Calaresu per Alessio Burtone, processato in Corte d’Assise di Roma per l’accusa di omicidio preterintenzionale aggravato da futili motivi dell’infermiera romena Maricica Haianu, da lui colpita con un pugno l’8 ottobre di due anni fa e poi morta in ospedale 5 giorni più tardi.

All’imputato il pm ha negato qualsiasi attenuante nonostante egli sia incensurato. La negazione di questo beneficio è stata giustificata dal fatto che Burtone, attualmente detenuto, è imputato anche per altri due atti di violenza.

Prima di sollecitare la condanna il pubblico ministero, riferendosi a quanto emerso dall’istruttoria dibattimentale e anche con l’aiuto di un video registrato delle apparecchiature presenti nella stazione Anagnina dove avvenne lo scontro, ha ricordato i momenti salienti della vicenda.

A cominciare dalla lite che Maricica ebbe con Burtone all’interno del bar della stazione quando cercò di sorpassare la fila e al successivo scontro tra i due e proseguito sul marciapiede della stazione dove ci fu uno scambio di offese e di sputi culminati poi con il pugno al mento che il ragazzo sferrò alla donna. “Un pugno diretto e violento – ha commentato il pubblico ministero – un pugno da esperto boxeur”.

Potrebbero interessarti anche