14:55 | Giro di prostitute in un noto locale romano: 10 arresti tra cui un vice questore

Un giro di squillo, italiane e straniere, è stato scoperto dagli agenti della Squadra Mobile di Roma. Al centro dell’indagine un giro di prostitute che ruotava intorno all’interno del night ‘Pussycat’ di piazza delle Crociate, in zona Tiburtina, con prestazioni ‘extra’ che i clienti pagavano direttamente ai gestori.

A quanto accertato dagli investigatori, le ragazze, anche alcune studentesse italiane, guadagnavano circa 20mila euro al mese. Le prestazioni venivano calcolate in base al tempo con delle fiches colorate che le ragazze “cambiavano” a fine serata ottenendo il denaro: circa la metà di quanto pagato dal cliente al night. L’organizzazione pensava a tutto, dal reclutamento all’alloggio. Le ragazze più belle potevano lavorare al Pussycat le altre venivano affidate a due romeni, al momento ricercati, per prostituirsi in strada.

Dieci le persone arrestate. Tra di loro anche un vice questore aggiunto della Polfer di Roma. Dalle indagini, scattate a maggio dopo la denuncia di una squillo, è emerso che il poliziotto A. M., nipote di un esponente dell’Associazione nazionale studenti e lavoratori, aveva interessi economici nell’associazione e prendeva una percentuale sugli incassi delle ragazze. Tra gli arrestati anche F. S. ex militante dei Nar che ricopriva il ruolo di vice presidente dell’associazione culturale e F. L., regista di film hard, in passato anche vincitore dell’Oscar del porno. Il locale è stato posto sotto sequestro.

L’operazione è scattata alle 2 di questa notte, quando gli agenti della squadra mobile della Questura di Roma, diretti da Vittorio Rizzi, hanno bussato alla porta di 10 persone, nei cui confronti il gip Antonella Capri, a conclusione delle indagini coordinate dal sostituto procuratore Maria Sabina Calabretta, ha emesso altrettante misure restrittive.

Per loro l’accusa e’ di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione.

Potrebbero interessarti anche