Cassazione, primo via libera a Gianfranco Ciani nuovo procuratore

palazzo_di_GiustiziaIl Cms ha indicato il magistrato famoso per il processo Mills come prossimo procuratore generale del Palazzaccio

ROMA – Ad aprile prossimo, il procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito lascerà la magistratura per raggiunti limiti di età e a succedergli sarà il suo attuale ‘vice’, Gianfranco Ciani, da nove mesi procuratore generale aggiunto della Suprema Corte.

A decidere di affidare l’ambita poltrona al magistrato che tra l’altro ha rappresentato la pubblica accusa quando il processo all’avvocato inglese Mills è approdato in Cassazione, è stata la Quinta commissione del Csm, indicando all’unanimità il suo nome come nuovo procuratore generale del ‘Palazzaccio’.

Ciani, per la cui nomina ufficiale bisognerà attendere il ‘concerto’ del Guardasigilli Paola Severino e il voto da parte del plenum, è in magistratura da quasi 50 anni e da nove risiede alla procura generale della Suprema Corte, dove è approdato nel 2003 come sostituto.

Tanti i processi importanti dei quali si è occupato in questi anni. Oltre a quello Mills (in cui la Corte ha accolto la sua richiesta di dichiarare prescritto il reato di corruzione in atti giudiziari dell’avvocato inglese, ma di non proscioglierlo nel merito, confermando la condanna al risarcimento di 250mila euro a Palazzo Chigi), tra i più significativi c’è il processo a Giulio Andreotti per l’omicidio del giornalista Mino Pecorelli. Fu proprio Ciani infatti nel 2003 a chiedere e a ottenere l’assoluzione per il senatore a vita ritenendo solo ”congetture” le accuse a suo carico.

Qualche anno dopo, nel 2008, fu sempre lui a sollecitare e incassare prima la condanna a 16 anni di Anna Maria Franzoni per l’omicidio a Cogne del figlioletto Samuele, poi quella del ”mostro del Circeo” Angelo Izzo all’ergastolo per il duplice omicidio a Ferrazzano della moglie e della figlia di un suo ex compagno di cella.

Ai lavori della Commissione per gli incarichi direttivi del Csm che oggi ha decretato la vittoria di Ciani, 72 anni romano, su altri tre concorrenti (Domenico Iannelli, sostituto pg in Cassazione, Francesco Dettori, procuratore di Busto Arsizio e Pietro Suchan, sostituto procuratore a Firenze) ha partecipato anche il Pg Esposito, che ha convenuto sulla scelta dei consiglieri.

Il ruolo di Pg della Cassazione è molto delicato, considerato pure che è componente di diritto del Consiglio superiore della magistratura, e titolare, assieme al ministro della Giustizia, dell’azione disciplinare nei confronti di tutte le toghe, giudici e pm.

(Valentina Marsella)

Potrebbero interessarti anche