Calcioscommesse, per Sartor possibile radiazione

pallone_sgonfioL’ex Juve si rifiuta di parlare. Collabora invece Pellicori che fa altri nomi e dettagli su Empoli-Mantova

ROMA – Intensa giornata quella di ieri per gli uomini di Palazzi. Il via vai di calciatori presso gli uffici della procura federale è stato imponente, visto che sono state interrogate ben 10 persone, mentre è stato rinviato quello dell’albanese Shala.

Tra le testimonianze rilasciate dai pentiti, la più importante sarebbe stata quella dell’ex attaccante del Mantova, Alessandro Pellicori. Il compagno del superpentito Gervasoni ha infatti collaborato con la giustizia sportiva, fornendo interessanti indicazioni che potrebbero dare un’impronta diversa all’indagine sul Calcioscommesse. L’attaccante calabrese è stato sentito su diverse partite anche del 2009/2010 tra cui Empoli-Mantova, che terminò per 4-0 a favore degli azzurri al Castellani.

Una testimonianza quella di Pellicori che potrebbe avere dei riflessi nel prosieguo dell’attività degli 007 di Palazzi. Insomma, la schiera dei pentiti potrebbe ingrossarsi. ”Il mio assistito ha detto qualcosa – ha spiegato l’avvocato Rodella al termine dell’interrogatorio – Ha sposato in pieno la linea collaborativa, dicendo tutto quello che sapeva e anche quello che gli è capitato di conoscere”.

Era atteso sempre ieri l’interrogatorio di Luigi Sartor, l’ex giocatore di Parma, Inter e Roma, considerato l’uomo chiave dell’inchiesta di Cremona. Sartor invece, che con Beppe Signori curava i rapporti con Singapore, non ha risposto alle domande dei magistrati sportivi che oggi si sono recati nella sua abitazione alle porte di Parma per interrogarlo. Secondo quanto si apprende, l’ex calciatore – agli arresti domiciliari dal 2 gennaio scorso, dopo due settimane nel carcere di Cremona – avrebbe sostenuto che la sua posizione nella vicenda può essere chiarita anche solo con la lettura dei documenti trasmessi alla stessa Procura Federale dai magistrati di Cremona.

Sartor, rifiutandosi di parlare avrebbe sancito così, con tutta probabilità, la sua radiazione da parte della giustizia sportiva.

Tra gli altri interrogati il portiere del Novara, Alberto Maria Fontana, per la partita Chievo-Novara di Coppa Italia del 30 novembre 2010, che si è detto sereno e a posto con la propria coscienza, Kewullay Conteh, tirato in ballo da Gervasoni per Pisa-Albinoleffe (2-0) del 7 marzo 2009 e da Doni, per Atalanta-Piacenza (3-0) del 19 marzo 2011.

Sempre ieri il pool di Palazzi ha aggiornato il calendario delle audizioni: insieme al portiere del Piacenza, Mario Cassano, che sarà ascoltato il 21 marzo dalla Procura federale sarà sentito anche Davide Caremi, ex AlbinoLeffe. Il giorno dopo (22 marzo) la Procura tornerà a riunirsi per fare il punto della situazione e stilare un nuovo calendario di interrogatori, che riguarderanno sempre il filone di Cremona.

Intanto ieri il Consiglio d’Europa ha avuto il mandato dai ministri dello Sport dei 47 Stati membri, riuniti appositamente a Belgrado, di aprire entro giugno i negoziati per l’elaborazione di una convenzione contro la manipolazione degli eventi sportivi.

Di fatto, lo strumento servirà a impedire al crimine organizzato di mettere le mani sullo sport attraverso, in particolare, le scommesse online. Alla preparazione della convenzione saranno invitati anche Paesi che non fanno parte del Consiglio d’Europa.

Potrebbero interessarti anche