Rivive a Roma l’incantesimo de “Il Flauto Magico”

1278943251551_0030Al Teatro dell’Opera la prima del capolavoro di Mozart in replica fino al 1° aprile. La produzione è affidata per la direzione d’orchestra a Erik Nielsen

ROMA – C’è grande attesa per la messa in scena a Roma di uno dei capolavori musicali di tutti i tempi. Il teatro dell’Opera è pronto per la prima de “Il Flauto Magico” di Wolfgang Amadeus Mozart nell’originale allestimento della Royal Opera House di Londra firmato dal regista scozzese David McVicar. Il 27 marzo cantanti lirici e ballerini debutteranno davanti ad un pubblico senza età, e replicheranno fino al prossimo 1° aprile.

La produzione, in lingua originale con sovratitoli in italiano, è affidata per la direzione d’orchestra a Erik Nielsen, il 35enne direttore, applaudito nei maggiori teatri del mondo, dal Metropolitan di New York al Covent Garden di Londra, che salirà per la prima volta sul podio del Costanzi.

L’allestimento raccoglie, con il sostegno delle scene e i costumi di John MacFarlane, le suggestioni dell’universo fantastico mozartiano in un grande gioco tra costumi del Settecento e allegorie esoteriche. Maestro del Coro dell’Opera, Roberto Gabbiani. Tra i protagonisti, invece, il tenore Juan Francisco Gatell e il soprano Hanna Elisabeth Muller, che si alterneranno con Pavel Kolgatin ed Ekaterina Sadovnikova nelle date del 28 e 30 marzo nei ruoli di Pamino e Tamina, Markus Werba e Sibylla Duffe (Papageno e Papagena).

“Il Flauto Magico”appartiene ad un genere operistico in cui le parti cantate si alternano a quella parlate. Numerose sono le allusione ai riti della massoneria, di cui lo stesso Mozart faceva parte negli anni giovanili. I due protagonisti, Papageno e Papagena, dovranno affrontare un lungo percorso iniziatico dal buio del regno della Regina della Notte alla luce del regno di Sarastro, che simboleggia il cammino dall’ignoranza alla conoscenza. La cornice è data da un Egitto irreale e fantasioso. Si tratta di un vero e proprio racconto di formazione: al centro delle vicende, lo sviluppo di un individuo che, da giovane, ignorante e debole che era, diventa saggio, sapiente e uomo attraverso la scoperta dell’amore e il superamento di varie prove iniziatiche.

Potrebbero interessarti anche