10:00 | Metro A da oggi, martedì 10 aprile, ultima corsa ore 21.00

Ridurre le vibrazioni e il rumore durante il passaggio dei treni e rendere più sicura la zona all’aperto della linea A della metropolitana. Per ottenere questi importanti e strutturali risultati migliorativi Roma Metropolitane, a partire da oggi, martedì 10 aprile e per 40 giorni, interverrà tra le stazioni Flaminio e Lepanto della metro A.

Saranno eseguiti lavori di potenziamento dell’infrastruttura e di ristrutturazione della sede ferroviaria. Un intervento possibile solo nelle ore notturne con conseguente riduzione dell’orario lungo tutta la linea.

Nelle sere dalla domenica al venerdì, quindi, l’ultima corsa dai capolinea di Battistini e Anagnina sarà alle 21. Poi, sino alle 23.30 (il venerdì sino all’1.30 di notte) saranno in strada i bus sostitutivi delle linee MA1 e MA2 che collegheranno rispettivamente Battistini ad Arco di Travertino (MA1) e Flaminio ad Anagnina (MA2) seguendo il percorso della linea A della metropolitana.

Il sabato l’orario dei treni resta invariato: prima corsa alle 5,30 ultima corsa all’1,30 di notte. Resta invariato l’inizio delle corse alle 5,30 per tutta la settimana. Le navette sostitutive MA1 e MA2 fermeranno nei pressi delle stazioni. Non transiteranno però davanti alla stazione ‘Spagna’ poiche’ i bus non possono percorrere la zona pedonale. In questo caso la fermata sarà su Porta Pinciana angolo corso Italia. A Termini invece la fermata di MA1 e MA2 sarà, in direzione Battistini, in via Giolitti a lato del capolinea dei tram 5 e 14; in direzione Anagnina, alla fermata dei bus all´angolo con via Cavour.

Sulla linea B invariati gli orari di servizio: prima corsa alle 5,30, ultima alle 23,30; il venerdì e il sabato prima corsa alle 5,30, ultima all’1,30 di notte.

I lavori nel dettaglio: la linea A tra le stazioni Flaminio e Lepanto percorre in sotterraneo via Cesare Beccaria, scavalca in viadotto il fiume Tevere e ritorna in sotterraneo lungo viale Giulio Cesare, dopo aver attraversato sulle due rive a cielo aperto rispettivamente il lungotevere Arnaldo da Brescia e il lungotevere Michelangelo. Il tracciato è della lunghezza di 1 chilometro circa. Tre le fasi di intervento: mitigare le vibrazioni indotte dal transito ferroviario, con parziale rinnovo del ballast (pietrisco che sostiene i binari) e dell’armamento; mitigazione del rumore che prevede la posa, su tutto l’attraversamento all’aperto e sui due tratti terminali di galleria della lunghezza di circa 30 metri di pannellature fonoassorbenti; e la posa di una copertura totale con pannellature di vetro stratificato di sicurezza sulla sede ferroviaria all’aperto, agli imbocchi in galleria per una lunghezza di circa 22 metri lato Flaminio e per una lunghezza di circa 23 metri dal portale di uscita lato Lepanto.

Potrebbero interessarti anche