Procura di Napoli, slitta a maggio la scelta sul nuovo procuratore

leporeMancuso, Colangelo e Lembo i tre candidati in lizza per la successione di Lepore. Il Csm non trova l’accordo

ROMA – Con 15 voti favorevoli, sette contrari e tre astenuti è tutto rinviato al 2 maggio. Il nome del nuovo capo della Procura di Napoli non si conoscerà oggi: con una decisione inattesa il plenum di Palazzo dei Marescialli ha rinviato la discussione alla seduta del 2 maggio.

Il capo dello Stato con una lettera accorata aveva chiesto di fare presto ma il Consiglio superiore della magistratura, pur consapevole di dover far presto, è anche consapevole di “dover fare bene. Sono troppi tre nomi, bisogna arrivare a una maggiore unità”. I tre relatori per le proposte dei tre candidati hanno concordato, mentre il consigliere Nappi si è opposto fermamente.

La corsa infatti è a tre, perché la Quinta commissione di Palazzo dei Marescialli, competente per gli incarichi direttivi, non ha trovato l’accordo sul favorito, anche dopo le audizioni, una sorta di ‘esame’ per conoscere la reazione dell’opinione pubblica ai nomi e le intenzioni di gestione e organizzazione dell’ufficio, tra i più importanti della gerarchia giudiziaria italiana.

La scelta è tra Paolo Mancuso attuale capo dei pm di Nola, Giovanni Colangelo numero uno a Potenza e Corrado Lembo procuratore a Santa Maria Capua Vetere. Il risultato, a tutt’oggi non è affatto scontato.

(Valentina Marsella)


Leggi anche

Procura di Napoli, mercoledì la scelta del nuovo Procuratore

Potrebbero interessarti anche