12:33 | La Destra, militanti salgono su Palazzo della Civiltà e annunciano sciopero della fame

“Stamane i militanti del Popolo di Roma e di Gioventù Italiana sono saliti sul Palazzo della Civiltà del Lavoro, il cosiddetto Colosseo Quadrato, per protestare contro la riforma dell’art.18 e dar voce ai cittadini in lotta per il posto di lavoro”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta i giovani dirigenti nazionali del partito di Storace Giuliano Castellino, Gianluigi Limido e Fabio Sarnelli.

“Faremo lo sciopero della fame finché i media nazionali non daranno spazio alle legittime istanze dei lavoratori. Questa riforma serve solo ad aumentare la precarietà e il numero di licenziamenti, rendendo schiavi degli imprenditori i più deboli. Non ci sono lavori che gli italiani non vogliono fare, ci sono condizioni di lavoro inaccettabili per un cittadino italiano. Le imprese vanno a produrre all’estero o assumono stranieri sottopagati per avere manodopera a basso costo.

Vogliamo che i diritti dei lavoratori siano rispettati e tutelati. Chiediamo controlli sulle buste paga e sui turni di lavoro. Non possiamo più accettare che il Governo Monti, con la complicità di Pdl, Pd e Terzo Polo, porti alla rovina la nostra Italia. Noi non vogliamo tartassare case, salari, pensioni, e alle prossime elezioni si accorgeranno di aver commesso un grosso sbaglio ad avallare questo scempio. Il crescente numero di suicidi evidenzia come sia fallimentare la politica finora attuata dal Governo.

Il popolo italiano – concludono i dirigenti nazionali – non può più sopportare salassi del genere ed oggi siamo qui a manifestare per far capire che è possibile un altro progetto, un’altra riforma e, soprattutto, che esiste un’ altra Italia che non gode dei privilegi di politici e banchieri”.

Potrebbero interessarti anche