15:34 | Cgil, mobilitazione nazionale il 10 maggio contro la precarietà

La Cgil promuove per giovedì 10 maggio una mobilitazione nazionale sulla precarietà. Lo ha annunciato il segretario Cgil, Susanna Camusso, durante il suo intervento introduttivo al comitato direttivo. Al riguardo la Cgil denuncia arretramenti nel ddl di riforma del lavoro sulla precarietà e chiedendo risposte sui giovani.

Questa giornata, ha sottolineato Camusso, vuole, infatti, “sostenere una politica di contrasto alla precarietà e le richieste di modifica al provvedimento perché ai giovani di questo Paese siano date delle risposte effettive”.

“Chiediamo al direttivo un mandato per la costruzione di una piattaforma comune per una mobilitazione unitaria che parta dalle parole scelte per il prossimo maggio ‘Lavoro e crescita, politiche per uscire dalla crisi'”. E’ questa la richiesta lanciata dal segretario generale della Cgil Susanna Camusso, al comitato direttivo del sindacato. “Dall’esecutivo della Cisl e dalla direzione della Uil sono arrivate decisioni utili per aprire una stagione di iniziative su crescita, fisco e lavoro”, ha aggiunto.

Camusso parlando al direttivo del sindacato ha definito “gravi” le parole pronunciate ieri dal premier Mario Monti, vista “la condizione sociale in cui versa il paese”. Per Camusso “al di là del riferimento sgradevole alla Grecia, questo governo è di fronte all’autodichiarazione che, rispetto ai tre temi che hanno accompagnato il suo insediamento, ovvero rigore, equità e crescita, la crescita viene cassata e l’equità non c’é mai stata”.

Potrebbero interessarti anche