18:05 | Lavoro, Cgil in piazza al Pantheon contro precarietà

La Cgil è in piazza a Roma al Pantheon in occasione della giornata nazionale contro la precarietà. Il presidio, alle cui spalle svetta un piccolo palco con su scritto “precarietà: l’unico taglio giusto. Basta promesse e bugie”, animato dai militanti del sindacato e da molti giovani presenti in piazza, attende l’arrivo del Segretario Generale della Cgil, Susanna Camusso.

Protagonisti di questa giornata di protesta sono infatti i giovani e i precari, secondo la Cgil “traditi dalle tante promesse del governo che aveva annunciato una riforma del lavoro volta innanzitutto alle nuove generazioni: la riduzione, quindi, della precarietà e l’ estensione degli ammortizzatori sociali”.

La Cgil accusa infatti il governo “di aver strumentalizzato i giovani per ridurre ulteriormente i diritti di tutti” innalzando l’ età pensionabile e “riducendo gli ammortizzatori sociali, non cancellando neanche una delle 46 tipologie contrattuali, non avendo migliorato l’ accesso al lavoro, tentando di facilitare i licenziamenti con la cancellazione dell’ articolo 18” e chiede con forza che vengano innanzitutto cancellati quelli che chiama “contratti truffa” e che l’indennità di disoccupazione includa tutti i precari.

“Tutti devono avere diritto ad un equo compenso che non può essere inferiore a quanto previsto nei contratti nazionali di lavoro per i dipendenti di pari professionalità. Se non si stabilisce un compenso minimo l’aumento dei contributi previdenziali rischia di essere pagato tutto dai collaboratori a progetto e dalle partite iva”.

“La riforma – conclude la Cgil – del lavoro da sola non crea nuova occupazione. Chiediamo un piano di investimenti per consentire al nostro Paese di uscire dalla recessione e indirizzare lo sviluppo verso i settori più innovativi. Solo così si crea nuovo lavoro”.

Potrebbero interessarti anche