Da Torino a Roma a piedi contro la disoccupazione

Forrest_GumpA 55 anni è partito dal Piemonte quasi due mesi fa senza soli per incontrare il presidente Napolitano

 

ROMA – Si chiama Teresio, ha 55 anni, e il 14 marzo scorso è partito a piedi da Torino per incontrare il presidente della Repubblica e portare all’attenzione delle istituzioni la grave crisi occupazionale che attanaglia il Paese. Oggi l’uomo, che vive e dorme per strada, è stato ricevuto dal presidente del consiglio comunale di Fiumicino, Mauro Gonnelli e dall’assessore alle politiche sociali Luca Panariello, che hanno preso a cuore la sua “missione” e gli hanno dato ospitalità in una struttura attrezzata, grazie all’aiuto dell’associazione Fabbrica dell’esperienza, dove rimarrà per alcuni giorni in attesa di incontrare le istituzioni capitoline.

La storia di Teresio è quella di molti altri in Italia. Lavoro a tempo indeterminato in un’azienda che si occupa di smaltimento di rifiuti agricoli. Poi arriva la crisi, la proposta di trasformare il suo contratto in Co.Co.Co che gli continuerebbe a garantire il lavoro. Poi il dietrofront, il licenziamento, la mancanza di assegni di sussistenza. Divorziato e con un figlio di 24 anni anche lui precario decide di intraprendere questa protesta civile: da Torino a Roma a piedi, senza soldi, solo con una carta di identità in tasca e un diario in cui ha appuntato la solidarietà di 34 comuni che l’hanno ricevuto.

“In questi due mesi – spiega – ho dormito ovunque. La solidarietà? Soprattutto dai senza tetto che hanno diviso sempre tutto con me, un giaciglio, una coperta, un pezzo di pane”. Ora un posto per dormire ce l’avrà: “Ringrazio il presidente del consiglio di Fiumicino Gonnelli e l’assessore Panariello per avermi ospitato ed essersi attivati con le istituzioni capitoline per trovarmi un luogo dove passare la notte in attesa di incontrare Napolitano e portare alla sua attenzione la grave crisi occupazionale che ha colpito l’Italia”.

“La storia di Teresio e la sua grande voglia di non arrendersi – afferma il presidente del consiglio comunale di Fiumicino, Mauro Gonnelli -, sintetizza l’antico coraggio italiano che ha fatto in modo che questa Nazione potesse risollevarsi dalle macerie e portare nel mondo il suo spirito. Teresio è un grande esempio per tutti. La sua civiltà e compostezza, la sua battaglia senza sponsor e bandiere, senza quella rabbia che invece dovrebbe avere dentro una persona che ha perso tutto, sono un esempio. Come amministrazione faremo di tutto affinché il suo sogno si realizzi”.

Potrebbero interessarti anche