10:18 | TotalErg chiude la Raffineria di Roma

La Raffineria di Roma chiude e diventa deposito petrolifero. Lo ha comunicato TotalErg che parla di decisione di trasformare il sito industriale della Raffineria di Roma (RdR), controllata al 100%, “in un importante ed efficiente polo logistico per lo stoccaggio e la movimentazione di prodotti petroliferi attraverso un piano di investimenti che ne incrementeranno la flessibilità operativa”.

Il progetto, ratificato giovedì dai Cda aziendali, “verrà sviluppato a partire dalla definitiva fermata degli impianti di raffinazione prevista entro il terzo trimestre del 2012”. In ogni caso TotalErg assicura che “continueranno regolarmente tutte le attività di vendita e distribuzione al mercato di riferimento (Roma, Lazio e Regioni limitrofe)”.

La società, riferisce Staffetta Quotidiana, spiega la decisione “inderogabile” di chiudere l’impianto con “la situazione di crisi a livello internazionale della raffinazione con risultati economici fortemente negativi”. Una crisi strutturale che, sottolinea la nota di TotalErg, “risulta ancora più marcata nell’area del Mediterraneo e in Italia dove, negli ultimi anni, si è registrato un eccesso di capacità di raffinazione accentuato dal significativa calo dei consumi, che ha penalizzato soprattutto gli impianti di piccola taglia e ridotta complessità come la raffineria di Roma”.

TotalErg ribadisce “la volontà di collaborare con le organizzazioni sindacali per attenuare l’impatto occupazionale del progetto di trasformazione, attivandosi anche presso gli Enti e le Autorità preposte, al fine di favorire possibili iniziative industriali alternative, compatibili con il territorio. Tali iniziative – conclude la nota – potranno beneficiare delle aree rese disponibili dalla trasformazione che, oltre ad avere una posizione logistica favorevole, risultano già attrezzate con servizi idonei a favorirne un utilizzo industriale”.

Potrebbero interessarti anche