13:36 | Viterbo, irrompe in casa ex e colpisce padre con mazza chiodata: preso

I carabinieri della stazione di Soriano nel Cimino hanno arrestato un 33enne, pregiudicato del luogo, perché resosi responsabile dei reati di violazione di domicilio, atti persecutori, minacce e percosse, porto abusivo di oggetto atto ad offendere e resistenza a Pubblico Ufficiale.

L’ex compagna del 33enne aveva chiamato la centrale operativa del comando provinciale carabinieri di Viterbo chiedendo l’immediato intervento dei militari dell’Arma, poiché nella sua abitazione era riuscito ad entrare, sfondando il portone di ingresso, l’uomo che, in stato di forte agitazione ed armato di una grossa mazza chiodata, dopo aver colpito alla testa il padre, la stava minacciando di morte. I carabinieri giunti sul posto sono riusciti a bloccare l’esagitato, nonostante la violenta resistenza da quest’ultimo opposta nei loro confronti.

L’uomo era armato di un grosso bastone, tipo mazza da baseball in legno nero, sul quale aveva apposto delle borchie in ferro per aumentarne la capacità lesiva, e sul quale aveva inciso la scritta “Dux Mussolini”. Per il padre della donna fortunatamente solo una lieve lesione alla fronte.

Non era la prima volta dalla fine della storia avuta con la sua ex compagna che l’uomo la perseguitava con atti violenti e sconsiderati: pochi giorni prima aveva tagliato il tubo del gas dell’abitazione dell’ex compagna e le aveva sottratto le chiavi di casa con la violenza.

Potrebbero interessarti anche