I nuovi vertici di Promuovitalia

Costanzo_Jannotti_PecciA presidenza Jannotti Pecci alla vice Massimo Ostillio. La società dell’Enit fornisce servizi di assistenza tecnica

ROMA – E’ stato rinnovato nei giorni scorsi il Consiglio di Amministrazione della società pubblica Promuovitalia. Presidente per il prossimo triennio sarà il Cav. Lav. Costanzo Jannotti Pecci, imprenditore campano del settore turistico e Presidente di Federterme, Confindustria. Vice Presidente è stato nominato dal CdA Massimo Ostillio, già parlamentare e assessore al Turismo della Puglia, oltre che amministratore di Fincantieri SpA e dell’Agenzia nazionale del Turismo – Enit.

Nel Consiglio è stata confermata Caterina Cittadino (Capo Dipartimento Sviluppo e Competitività del Turismo di Palazzo Chigi), mentre entrano due nuovi componenti: Emilia Masiello, della Direzione generale per le iniziative di aiuto alle imprese del Ministero per lo Sviluppo economico (in rappresentanza dello stesso) e Federico Fautilli, Capo Dipartimento Servizio Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le indicazioni dei nuovi amministratori sono state fatte dai Ministri Gnudi e Passera, tenendo conto delle competenze specifiche e, nel caso del Vicepresidente Massimo Ostillio, anche del riferimento alla esperienza regionale di provenienza.
Promuovitalia è una SpA non quotata, con il 100 % del capitale azionario posseduto da Enit, che opera in regime di house-providing nella fornitura di servizi di assistenza tecnica al dipartimento del Turismo ed al ministero per lo Sviluppo economico. In particolare per quest’ultima Amministrazione l’azienda opera a supporto della gestione degli incentivi alle imprese, anche del settore turistico.

I programmi affidati a Promuovitalia comprendono, tra l’altro, attività finanziate da fondi nazionali (ex Fas) o comunitari (Pon Fesr) di pertinenza del ministero per lo Sviluppo economico o delle Regioni Convergenza (Poin Attrattori) e l’assistenza tecnica ai programmi ed agli interventi in materia di turismo, di competenza del dipartimento Sviluppo e Competitività del Turismo e del ministro del Turismo, Gnudi.

L’ambito operativo della società comprende anche attività di assistenza tecnica a programmi di sostegno dell’occupazione e del capitale umano (tirocini “on the job”), a beneficio delle imprese turistiche individuate tra quelle destinatarie di incentivi sugli investimenti, attività quest’ultima finanziata con fondi comunitari (PON Ricerca e Competitività) di pertinenza della Direzione generale per l’Incentivazione delle Attività imprenditoriali. Il programma denominato “Lavoro & Sviluppo” è realizzato in collaborazione con il dipartimento Sviluppo e Competitività del Turismo e il ministero del Lavoro.

Completano il quadro di attività svolte dalla Società quelle a sostegno del turismo realizzate attraverso interventi di pertinenza regionale (POIN Attrattori) o di altre amministrazioni centrali (Pon Gatt). Il bilancio 2011 della società si è chiuso con ricavi per circa 26 milioni di euro ed il pareggio economico dopo le imposte, con un valore del portafoglio commesse di oltre 90 milioni di euro.

Potrebbero interessarti anche