Cnr, dal bando per il nuovo dg esclusi gli over 61

Nicolais_LuigiUna buona notizia in un Paese giudicato ‘per vecchi’. I cv saranno selezionati direttamente dal presidente

 

ROMA – In attesa di conoscere il nome del successore di Fabrizio Tuzi, che l’11 aprile scorso ha ritirato la sua candidatura, si può affermare con certezza che non potrà avere più di 61 anni di età.

Il nuovo avviso che il presidente del Cnr, Luigi Nicolais, ha fatto pubblicare nei giorni scorsi, dopo la clamorosa bocciatura di quanti avevano risposto al precedente bando, come riferisce Il Foglietto della Ricerca, prevede esplicitamente che possono avanzare la propria candidatura quanti hanno “un’età che consenta l’espletamento di un mandato quadriennale con riferimento al conseguimento dei requisiti previsti per il collocamento in quiescenza per i dipendenti del Cnr”.

Poiché il requisito anagrafico per il pensionamento d’ufficio coincide con il compimento del 65° anno di età, ne consegue che non potranno concorrere quanti alla data di scadenza del predetto avviso (7 giugno 2012) avranno spento la 61° candelina.

Tale requisito è stato accolto con favore dalla comunità scientifica, anche se non è mancato chi ha fatto notare che la stessa regola dovrebbe valere anche per la nomina del presidente (Nicolais ha compiuto 70 anni il 9 febbraio scorso, ndr).
Ma le novità dell’avviso di Nicolais rispetto a quello messo a punto da Profumo a ottobre scorso non si fermano solo all’età degli aspiranti.

Il precedente bando, infatti, stabiliva che le domande e i curriculum dei candidati sarebbero stati vagliati “da una commissione di esperti nominati dal presidente” che, “dopo una valutazione comparativa” tra i vari candidati, avrebbe proposto allo stesso presidente “una lista di almeno tre soggetti, ritenuti idonei a svolgere la funzione di direttore generale”. Successivamente, i medesimi sarebbero stati  chiamati “a sostenere un colloquio con il cda”.

La nuova procedura, invece, appare decisamente molto più sbrigativa e si appalesa come una sorta di sconfessione del metodo Profumo, se è vero, come è, che, cancellata ogni traccia della commissione, prevede che “il presidente del Cnr procederà in piena autonomia, sulla base dei curricula vitae ad individuare il soggetto ritenuto maggiormente idoneo a svolgere le funzioni di direttore generale da presentare in Cda per la nomina”.

Nicolais, da ultimo, ha precisato che la procedura “non assume in alcun modo caratteristiche concorsuali, non determina alcun diritto al posto né presuppone la redazione di una graduatoria finale”. Della serie, nulla a pretendere.
Nel frattempo lo stesso presidente ha ufficialmente rinunciato a un consulente esterno da 90mila euro l’anno.

L’avviso, pubblicato l’8 marzo scorso, con il quale era stata avviata la procedura per individuare “un esperto di elevata professionalità per lo svolgimento dell’attività di supporto alle relazioni istituzionali”, è stato infatti revocato il 10 maggio.
Nicolais, “anche alla luce delle recenti manovre di contenimento della spesa pubblica”, ha deciso così di ‘rimpiazzare’ il consulente con i Comitati Ordinatori, istituiti il 23 marzo con il compito di coordinare dal punto di vista scientifico l’individuazione dei progetti dei costituendi dipartimenti.

Poiché i Comitati sono 7, per ciascuno dei rispettivi dipartimenti rappresentativi delle maggiori aree tematiche esistenti, con 3 componenti ciascuno, Nicolais potrà avvalersi della consulenza di ben 21 esperti, senza che l’ente debba ricorrere a ulteriori spese, essendo l’incarico dei professori a titolo gratuito.

Potrebbero interessarti anche