09:53 | Prostituzione: blitz polizia e cc a Viterbo, smantellata organizzazione

Blitz antiprostituzione di polizia e carabinieri nella provincia di Viterbo. In corso arresti, perquisizioni e sequestri nei confronti dei componenti di un’organizzazione accusata di gestire un giro di “squillo” da appartamento.

Tre arresti, 4 appartamenti sequestrati e 8 perquisizioni. E’ il bilancio dell’operazione che ha consentito alla polizia di Viterbo e ai carabinieri di Montefiascone di smantellare un’organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione. I tre destinatari delle misure cautelari eseguite all’ alba di oggi – due viterbesi e un umbro, uno solo incensurato – avevano messo su quattro case d’appuntamento nel centro del capoluogo laziale: in ciascuna di esse, i clienti (per lo più commercianti, professionisti, imprenditori) trovavano ogni settimana ragazze diverse: italiane, sudamericane, europee dell’est, ma anche trans. “La ‘rotazione’ delle squillo era puntuale – spiega Fabio Zampaglione, dirigente della Squadra mobile di Viterbo – in modo da garantire agli habitué un’offerta sempre nuova, all’altezza di tariffe che arrivavano anche ai 250/300 euro”.

In un caso una delle professioniste del sesso è arrivata in città a bordo di una macchina di lusso, con tanto di autista, e dopo il suo turno settimanale se ne e’ andata direttamente in ‘settimana bianca’ in una famosa località sciistica.

“Le indagini – rivela Zampaglione – sono partite dalla denuncia di una giovane romena, da tempo vittima delle richieste estorsive di un connazionale, richieste degenerate nella minaccia di uccidere il figlioletto e la nonna rimasti in Romania”. L’uomo è stato arrestato, ma gli investigatori avevano maturato il sospetto che la vittima fosse stata fatta arrivare in Italia proprio per essere avviata alla prostituzione. Sospetto che ha portato alla scoperta di oggi.

Potrebbero interessarti anche