Terremoto, in arrivo 2,5 miliardi. Errani commissario

Terremoto_emilia_slider_bisMentre continuano le scosse il Governo vara un piano di aiuti. Enormi i numeri degli sfollati e dei danni

 

ROMA – In Emilia Romagna le scosse non si fermano e continuano a tenere in ansia la popolazione. Nella notte oltre 30 scosse sono state registrate dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia dalla mezzanotte fino all’alba. La scossa più intensa è stata registrata alle 6,20 con epicentro a Finale Emilia e una magnitudo 3.6 ad una profondità di 4.5 km.

A chi però da due giorni vive in un’auto o in una tenda a fianco del suo (ex) appartamento ridotto a macerie, fa bene la notizia che ieri è arrivata dal Governo che al termine di una riunione del Consiglio dei Ministri ha annunciato i provvedimenti a favore dei territori emiliani colpiti dai terremoti del 20 e del 29 maggio: un apposito “fondo per gli interventi da attuare tra riparazione-ricostruzione di abitazioni, ripristino di servizi pubblici, riparazione-ricostruzione di beni artistici e culturali e indennizzi” con una dotazione di “un miliardo di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014” per un totale di due miliardi e mezzo che saranno gestiti da Vasco Errani, nominato commissario per la ricostruzione. A questi si aggiungono altri 500 milioni che potranno entrare nelle casse dello Stato attraverso l’accisa sui carburanti di 2 centesimi.

Il Governo ha poi accolto le richieste fatte dai sindaci modenesi: deroga ai vincoli del patto di stabilità per i Comuni colpiti e rinvio delle scadenze dei mutui. “La vicinanza forte dello Stato e delle istituzioni fa bene a questa terra e questa terra se la merita” ha commentato ieri il Capo della Protezione civile Franco Gabrielli che sta individuando a Modena il luogo più indicato per istituire un nuovo centro direzionale per seguire da vicino l’emergenza terremoto.

Intanto in serata sono arrivate altre stime degli sfollati: in quindicimila la scorsa notte non hanno dormito nella loro abitazione. Solo entro questa sera si completeranno i campi di accoglienza e i punti di ritrovo per arrivare almeno a novemila posti. Sono 7.231 i cittadini ospitati nella notte tra martedì 29 e ieri in 23 campi, 17 strutture coperte (palestre, centri civici, biblioteche) e diversi alberghi anche nell’Appennino modenese. Gli altri ottomila che mancano all’appello della Protezione civile sono coloro che hanno scelto liberamente una soluzione autonoma: una tenda, la macchina, o il soggiorno presso altri comuni, da amici o parenti.

Nel giorno in cui è stato ritrovato il corpo senza vita di un operaio rimasto sotto le macerie dell’azienda di Medolla, portando a 17 il numero delle vittime (24 se si contano anche quelle della scossa del 20 maggio) la Procura di Modena ha avviato un’inchiesta e riguarda ipotesi di reati gravi come omicidio colpo aggravato, lesioni aggravate e soprattutto disastro aggravato per i crolli di capannoni ed edifici con la conseguente morte di persone. Si aggiungono anche accertamenti per eventuali reati connessi alle leggi urbanistiche e territoriali, oltre che a quelli sui criteri e l’ esecuzione dei lavori per questi edifici devastati dalle due grandi scosse di martedì, alle 9.01 e alle 12.56.

Il procuratore capo Vito Zincani coordinerà un pool di magistrati: la prima tranche delle indagini, quella conoscitiva sulle cause dei crolli del 20 maggio, che non hanno comportato morti nel modenese, resta affidata al procuratore aggiunto Lucia Musti; quella nuova, che prevede accertamenti per reato colposi, ai sostituti procuratori Guerzoni e Maria Angela Sighicelli. Questi dovranno intrecciare informazioni anche con la Procura di Ferrara che ha aperto altre tre inchieste nei giorni scorsi per la morte di 4 operai.

Confindustria Modena ha cominciato a calcolare i danni alle imprese del territorio: oltre un miliardo e circa 15mila lavoratori fuori dalle fabbriche.

Potrebbero interessarti anche