Regione Lazio, approvato bilancio da 1,5 miliardi

Renata_Polverini_pensierosaCinque mld alla politiche sociali, 5 agli asili nido, 4 alla cultura e 2 al Fondo Pmi. Sanità rimane Tallone d’Achille

 

ROMA – La giunta regionale del Lazio, presieduta dalla governatrice Renata Polverini, ha approvato oggi l’assestamento di bilancio 2012. La manovra prevista nella proposta di legge regionale muove 1,5 miliardi di euro.

Le voci principali della manovra derivano da un miliardo di re-iscrizione della perenzione, ovvero degli impegni messi in bilancio nei precedenti esercizi e che poi non vengono portati a termine. “Con l’assestamento cancelliamo tutta la perenzione antecedente al 2006”, ha spiegato l’assessore al bilancio, Stefano Cetica, precisando che l’aumento rispetto allo scorso anno deriva dal fatto che “una sentenza della Corte Costituzionale ci impone di coprire almeno al 70% il fondo dei residui perenti”.

Altri 470 milioni riguardano lo sblocco del 30% di tutti i capitoli di spesa che erano stati congelati in attesa dell’esito dei tavoli di verifica della sanità sui risultati del disavanzo 2011. Infine, 30 milioni erano quelli precedentemente accantonati per dare copertura allo stesso disavanzo 2011, ora sbloccati e destinati al finanziamento del tpl. “Questi ultimi due interventi sono stati possibili grazie alla riduzione del disavanzo sanitario, che attualmente ammonta a 850 milioni di euro”, ha evidenziato ancora Cetica.

Altri interventi riguardano le politiche sociali (5 milioni), gli asili nido (5 milioni nel 2012 e 2013), 1 milione per l’inserimento lavorativo di categorie svantaggiate, 1,5 per la sicurezza, 5,2 per i percorsi sperimentali triennali per l’obbligo di istruzione, 4 per cultura e sport. Infine, altri 2 milioni di euro andranno al Fondo Pmi per l’accesso al credito.

“Abbiamo recuperato – ha aggiunto l’assessore Cetica – da Cassa depositi e prestiti 266milioni di euro dei Fondi ex Gestal. Duecento sono immediatamente disponibili, 100mln per il 2012 e 100mln per il 2013, per l’edilizia sovvenzionata. Gli altri 66mln sono del Mef. I duecento milioni di cassa, per l’edilizia sovvenzionata – ha proseguito Cetica – sono soldi veri che verranno messi a disposizione della nostra economia”.

L’assessore al Bilancio ha inoltre previsto per il 2012 di scendere a “600milioni di disavanzo sanitario. Un’altra grande sfida – ha infatti spiegato – è rimettere in equilibrio quello che è il nostro Tallone d’Achille, il debito della sanità. Ma è un traguardo che possiamo iniziare a vedere, così come quello sulla vendita del patrimonio”.

Guardando all’Europa, Cetica ha infine sottolineato che “stiamo certificando quasi il 100% dei Fondi europei e nei prossimi anni sono sicuro che vedremo il Lazio tra i primi posti per le certificazioni Isee”.

Potrebbero interessarti anche