Beni culturali, da agosto nove poltrone vacanti al Mibac

Resca_Mario_sliderFra gli altri scadono Resca alla valorizzazione, Nastasi allo spettacolo dal vivo e Di Francesco in Emilia Romagna

ROMA – Il Mibac si rinnova. Il 5 agosto prossimo infatti scadono ben nove incarichi dirigenziali e sono già in corso al ministero di Via del Collegio Romano le procedure per la ricezione dei curricula degli aspiranti dirigenti di livello generale, le cui domande dovranno arrivare alla Direzione Generale entro il 19 giugno prossimo. Domande, corredate di scheda di valutazione dirigenziale relativa all’ultimo anno e di ‘curriculum vitae’, che verranno trasmesse ”all’ufficio di Gabinetto per le determinazioni del Ministro”.

E’ quanto si legge in una circolare, data 4 giugno 2012 e inviata a tutti i dirigenti dell’Amministrazione centrale e periferica del Mibac. Tra i posti che resteranno liberi, ci sono quello della direzione generale per la valorizzazione del patrimonio culturale, attualmente occupato da Mario Resca, quello della direzione generale per lo spettacolo dal vivo, che vede impegnato Salvo Nastasi, anche Capo di Gabinetto del ministero, e la direzione generale per le biblioteche, gli istituti culturali e il diritto d’autore, guidata da Rossana Rummo. Tutti incarichi che ”dal 6 agosto 2012 risulteranno disponibili”, si legge nella circolare a firma del direttore generale Mario Guarany.

Tutti posti chiave su cui si scatenerà il toto nomine. Bisognerà quindi attendere la ricezione dei curricula per capire chi sarà il favorito in una corsa che si preannuncia davvero agguerrita.

Si libereranno inoltre gli incarichi alla guida di ben sei direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici, quelle di Calabria, Campania, Toscana, Umbria, Veneto ed Emilia Romagna. Quest’ultima attualmente guidata da Carla Di Francesco, impegnatissima in questi giorni sul fronte del terremoto.

Potrebbero interessarti anche