Metro B1, via al piano di riordino del trasporto pubblico

Metro_B1_conca_dOro_sliderEcco cosa cambia con l’inaugurazione di oggi. La rete di superficie rimarrà immutata fino al lunedì 18 giugno

ROMA – Apre domani, con le prime corse delle 5.30, la tratta B1 della linea della metropolitana B tra Bologna e Conca d’Oro. La tratta B1 è una diramazione dell’attuale linea metro B che collega Rebibbia e Laurentina. La nuova tratta, gestita, come il resto della linea B da Atac spa, è lunga poco meno di 4 chilometri: sono tre le nuove stazioni Sant’Agnese/Annibaliano, Libia e Conca d’Oro. Da domani, quindi, i treni della linea B della metropolitana seguiranno due percorsi: da Laurentina a Conca d’Oro e viceversa e da Laurentina a Rebibbia e viceversa.

La tratta comune ai due percorsi sarà Laurentina- Bologna, qui, una parte dei treni proseguirà come di consueto perla stazione Tiburtina e Rebibbia e una parte imboccherà la nuova linea fermando alle stazioni di Sant’Agnese/Annibaliano, Libia e sino al capolinea di Conca d’Oro. I treni tra Laurentina e Conca d’Oro saranno quindi diretti, senza alcun cambio a Bologna. Chi si dovrà recare da Rebibbia a Conca d’Oro, invece, dovrà, ovviamente, cambiare treno a Bologna.

La destinazione del treno sarà comunicata in banchina dal sistema di fonia e dai display mentre a bordo treno sarà annunciata la fermata successiva e la destinazione del treno. Nelle nuove stazioni e in quella di diramazione di Bologna sarà presente, inoltre, il personale dell’assistenza clienti con il compito di guidare la clientela e fornire informazioni su tutte le novità del servizio. Tutte le nuove stazioni sono dotate di avanzati impianti di videosorveglianza e adeguate all’accesso delle persone con difficoltà di movimento. Complessivamente saranno in funzione 67 scale mobili e 15 ascensori che consentiranno una facile accessibilità alle stazioni.

La rete di superficie gestita da Atac resta quella attuale. Cambierà a partire dall’inizio del servizio di lunedì 18 giugno. Ecco l’orario delle prime e ultime corse della linea B della metropolitana con l’apertura della diramazione per Conca d’Oro.

Giorni feriali dal lunedì al giovedì. Prime corse del mattino: da Laurentina per Conca d’Oro 5.32; Da Laurentina per Rebibbia: 5.30; da
Rebibbia per Laurentina: 5.30; da Conca d’Oro per Laurentina: 5.30 . Ultime corse della sera: da Laurentina per Conca d’ Oro 23.26; Da Laurentina per Rebibbia: 23.30; da Rebibbia per Laurentina: 23.30; da Conca d’ Oro per Laurentina: 23.28

Venerdì e sabato. Prime corse del mattino: Da Laurentina per Conca d’Oro 5.32; Da Laurentina per Rebibbia: 5.30; da Rebibbia per Laurentina: 5.35; da Conca d’Oro per Laurentina: 5.30. Ultime corse della sera: Da Laurentina per Conca d’Oro 1.21; Da Laurentina per Rebibbia: 1.30; da Rebibbia per Laurentina: 1.30; da Conca d’Oro per Laurentina: 1.28

Festivi. Prime corse del mattino: Da Laurentina per Conca d’Oro 5.33; Da Laurentina per Rebibbia: 5.30; da Rebibbia per Laurentina: 5.35; da Conca d’Oro per Laurentina: 5.30. Ultime corse della sera: Da Laurentina per Conca d’Oro 23.27; Da Laurentina per Rebibbia: 23.30; da Rebibbia per Laurentina: 23.30; da Conca d’Oro per Laurentina: 23.28.

Saranno validi i consueti titoli di viaggio Metrebus Roma e Metrebus Lazio validi nella zona A. Tutte le informazioni sulla nuova tratta di metropolitana e le novità della rete sono disponibili sullo speciale B1 del sito Internet www.atac.roma.it e sul profilo twitter di Atac spa www.twitter.com/infoatac.

La tratta B1 metterà in collegamento i quartieri a nord-est di Roma – Nomentano, Trieste, Montesacro, il quartiere Africano – con l’Eur, la Magliana, il Centro, Pietralata e la Tiburtina. I lavori sono durati 7 anni, con l’impiego di circa 1.100 tra ingegneri, tecnici e operai nelle fasi di monitoraggio, progettazione e costruzione. I tecnici attribuiscono alla nuova linea una capacità di trasporto di 24mila persone l’ora per senso di marcia. Mentre apre la tratta Bologna/Conca d’Oro, intanto, il cantiere prosegue per raggiungere piazzale Jonio e completare i cinque chilometri di tracciato.

Sull’apertura della metro è intervenuto oggi il segretario dei Radicali Italiani, Marco Staderini, secondo cui “l’apertura di nuova metro è sempre una bella notizia, anche se la B1 nasce con molte incognite e la certezza dei tanti errori commessi. Ad esempio, aver speso quasi 200 milioni di euro a km per sole tre fermate, cancellando quella fondamentale di Nomentana solo perché costava troppo al costruttore.

Ma soprattutto aver puntato su una diramazione che raddoppia i tempi e riduce la qualità del servizio. Siccome per almeno un anno  – sottolinea il segretario – mancheranno i convogli necessari ad un servizio completo, le frequenze dei passaggi dei treni saranno irregolari e prevedibilmente ad intervalli tra i 12 e i 30 minuti, un’enormità. Proprio per questo – conclude Staderini – chiedo all’Atac di non sospendere per i primi tre mesi le tradizionali linee di bus, in modo di verificare il funzionamento della B1 e dare tempo ai cittadini di organizzarsi”.

Potrebbero interessarti anche