14:03 | Carceri, tre poliziotti penitenziaria aggrediti a Regina Coeli

Tre separate aggressioni con lesioni a poliziotti penitenziari, da parte dello stesso detenuto di nazionalità eritrea, sono avvenute oggi nel carcere di Roma Regina Coeli, nella settima e nell’ottava sezione detentiva e nell’ufficio matricola: lo annuncia l’Osapp, organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, in una lettera a firma del segretario generale Leo Beneduci e indirizzata ai gruppi parlamentari di Camera e Senato.

“Se consideriamo che gli episodi di violenza in carcere stanno aumentando (altre aggressioni ieri in Sicilia e in Piemonte) e che le condizioni di vivibilità degli istituti di pena stanno peggiorando giorno dopo giorno (66.650 detenuti per 45.560 posti pari a 21.000 eccedenze) – prosegue il sindacato – le premesse per un’ estate estremamente calda nelle carceri italiane ci sono tutte e non sembrano esserci correttivi all’attuale degrado”.

“Occorrerebbero quindi, in sede legislativa, atti di urgente e concreta buona volontà a partire da un provvedimento di amnistia di cui le carceri e tutto sistema giudiziario non possono più fare a meno – conclude Beneduci – perché se le condizioni e le tensioni nelle carceri dovessero peggiorare ulteriormente i rischi ed i danni non sarebbero più a carico esclusivo dei poliziotti penitenziari ma dell’intera Collettività nazionale”.

Potrebbero interessarti anche