Premio Strega, Trevi il più votato tra i 5 finalisti

Emanuele_TreviA seguire nella cinquina Carofiglio, Piperno, Fois e Ghinelli. Stasera gli autori al Festival delle Letterature

 

ROMA – E’ Emanuele Trevi con ‘Qualcosa di scritto’ (Ponte alle Grazie) il primo classificato nella cinquina del premio Strega, votata ieri sera a Roma, nella storica sede della Fondazione Bellonci. Trevi ha ottenuto 92 voti superando Gianrico Carofiglio, che ne ha presi 70 con il suo ‘Il silenzio dell’ onda’ (Rizzoli) e Alessandro Piperno con ‘Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi’, (Mondadori) che ne ha ottenuti 68.

A completare la rosa sono Marcello Fois, autore di ‘Nel tempo di mezzo’, (Einaudi), che ha conquistato 64 voti e Lorenza Ghinelli, con ‘La colpa’, (Newton Compton), che ha invece raccolto 38 voti. Guida la pattuglia degli esclusi, invece, Giorgio Manacorda con 28 voti per il ‘Il corridoio di legno’ (Voland).

Questo il risultato dei 400 voti degli Amici della domenica (in cui sono inclusi i voti collettivi di scuole, istituti culturali e circoli di lettura) e dei 60 voti dei lettori “forti” segnalati da altrettante librerie associate all’ALI distribuite in tutto il Paese. Su 460 aventi diritto, hanno espresso il loro voto in 424. Trentasei sono stati gli astenuti, mentre una scheda è risultata nulla e una bianca.

”I libri che sono entrati in cinquina -ha commentato all’Adnkronos Edoardo Nesi, presidente del seggio e vincitore dell’edizione 2011- rappresentano una scelta condivisibile. Certo è difficile fare valutazioni di qualità. Questo è un premio in cui si pesano e si contano i voti e quindi si spera di fare un giudizio più equo possibile”.

Protagonisti di questa prima ‘tappa’ verso la proclamazione del vincitore finale, il 5 luglio al ninfeo di Villa Giulia, sono tra gli altri il barese Gianrico Carofiglio, che non ha nascosto un certa emozione, e lo scrittore sardo Marcello Fois. “Sono emozionato e mi è piaciuto partecipare a questa prima parte della competizione -ha sottolineato Carofiglio- e adesso facciamo quest’altra parte di corsa. Lo spirito per me deve essere di un sano agonismo senza prendersi toppo sul serio” e, parlando degli altri testi in gara, ha aggiunto ”che ci sono diversi ottimi libri”.

“Non mi aspetto la vittoria finale, ma non mi dispiacerebbe se arrivasse -ha detto Marcello Fois- Sono contento soprattutto che la mia casa editrice abbia deciso che valeva la pena di correre con me. Questo è molto importante nell’economia esistenziale di uno scrittore. Questo tipo di scelte a volte sono più importanti del premio vero e proprio. Credo che questo sia un anno straordinario. E’ stata molto dura. Anche molti dei libri che non sono entrati in cinquina erano belli. Questo à un anno molto importante per lo Strega. Ed è importante esserci anche per questo motivo”, ha concluso Fois.

Questi invece i voti degli altri candidati esclusi dalla seconda votazione del 5 luglio: “Il corridoio di legno” (Voland) di Giorgio Manacorda con 28; “Cosi’ in terra” (Dalai editore) di Davide Enia con 25; “Malacrianza” (Nutrimenti) di Giovanni Greco con 12; “La scomparsa di Lauren Armstrong” (Fandango) di Gaia Manzini con 12; “La sesta stagione” (Cavallo di Ferro) di Carlo Pedini con 9; “La logica del desiderio” (Giulio Perrone Editore) di Giuseppe Aloe con 4; “La rabbia” (Transeuropa) di Marco Mantello con voti 4.

Oggi sera gli autori saranno ospiti a “Letterature” Festival Internazionale di Roma, dove nella cornice della Basilica di Massenzio leggeranno brani tratti dai loro libri in gara. Giovedì prossimo saranno ad Avellino per partecipare al Festival “…aspettando Giffoni 2012”, mentre mercoledì 27 giugno saranno a Mosca, ospiti dell’Istituto Italiano di Cultura, per incontrare il gruppo di lettura russo e il 3 luglio, in attesa della finale, concluderanno il loro tour ospiti a Viterbo del Festival “Caffeina Cultura”. La seconda votazione e la proclamazione del vincitore avverranno nel consueto e magnifico scenario del Ninfeo di Villa Giulia giovedì 5 luglio.

Potrebbero interessarti anche