Festa europea della musica, 150 concerti dal centro alla periferia

Festa_europea_musica

Da giovedì a domenica oltre 1.000 musicisti invaderanno piazze, musei, cortili tra musica classica e rock. Un cartellone eterogeneo per giovani musicisti nei luoghi più suggestivi della città a quelli meno noti

Da giovedì 21 a domenica 24 giugno, Roma ospiterà la Festa Europea della Musica, organizzata dall’associazione Culturale Festa della Musica con il sostegno dell’assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, con il patrocinio della Regione Lazio, dei ministeri per i Beni e le Attività Culturali e degli Affari Esteri. Un programma vasto e articolato che coinvolgerà oltre mille musicisti con 150 concerti, tutti ad ingresso gratuito fino a esaurimento posti, in oltre 90 spazi tra piazze, musei, cortili, istituti di cultura, chiese, locali, e aree archeologiche.

Un cartellone eterogeneo, che ben rappresenta uno degli elementi essenziali della manifestazione, quello di essere la ‘festa di tutte le musiche’. La Festa europea della musica, da diciotto anni, offre un palcoscenico ai giovani musicisti romani, incoraggia l’ascolto della musica offrendo concerti gratuiti di tutti i generi musicali, promuove l’incontro tra generi, culture e professionalità musicali diverse, tra musica classica e rock, colta e popolare.

Anche quest’anno molti eventi si svolgeranno in alcuni dei luoghi più belli e suggestivi di Roma: Piazza di Spagna Scalinata di Trinità dei Monti, Piazza Farnese, Piazza Navona, Piazza della Rotonda al Pantheon, Piazza S. Lorenzo in Lucina, Fontanone del Gianicolo, Mercati di Traiano, Parco Archeologico del Teatro di Marcello, Macro,Terme di Diocleziano, solo per citarne alcuni.

Ma la Festa è anche attenta alle periferie, fedele al principio della musica per tutti e dovunque. Anche per questa diciottesima edizione, sono numerosi i musei che fanno da cornice ai concerti. Così anche quest’anno i concerti della festa saranno ospitati non solo in luoghi noti – come ad esempio i Mercati di Traiano o il Cortile di Palazzo Massimo- ma anche in spazi meno conosciuti, come il cortile di Palazzo Altemps (Un percorso attraverso le grandi pagine corali delle opere di Puccini, dalle giovanili Le Villi ed Edgar fino a Turandot Coro Orazio Vecchi ), il Museo Napoleonico, che in occasione del 150esimo anniversario della nascita di Claude Debussy ospiterà un concerto prezioso che ripropone il testamento artistico e spirituale del grande Compositore francese.

Il programma, dall’evocativo titolo, ‘L’heure exquise’, è affidato all’interpretazione di Marcello Nardis, il giovane tenore italiano considerato, non a caso, nel panorama concertistico internazionale tra i migliori specialisti del canto da camera. Al pianoforte il noto pianista genovese Dario Bonuccelli. Ancora, il Museo Canonica all’interno di Villa Borghese, il chiostro del Museo di Roma in Trastevere (concerto dell’Orchestra Malancia, musiche popolari dal mondo), gli spazi della sala S Rita (una serata dedicata al jazz al gospel, una serata dedicata alla musica classica).

La dimensione europea della manifestazione, il fatto che si svolga contemporaneamente in diverse città in Europa e nel mondo, è una caratteristica peculiare della Festa. Per rendere viva e presente la dimensione internazionale della manifestazione, la Festa di Roma ha da sempre sviluppato collaborazioni con gli Istituti di cultura stranieri di Roma, riuscendo a proporre ogni anno una finestra sulle realtà musicali emergenti di altri paesi.

La Festa europea della musica offre a giovani di talento l’opportunità di far conoscere il proprio lavoro. Qualche esempio tra i concerti di questa edizione: in collaborazione con gli allievi del Master in Sonic Arts dell’università di Roma 2, un concerto di brani originali di musica elettroacustica, mirati alle interazioni tra suono strumentale ed elettronico da tenersi sulle terrazze del Macro di Via Nizza. Con gli allievi del Conservatorio di Santa Cecilia, Festa propone il concerto della Big Band Jazz del Conservatorio a piazza San Lorenzo in Lucina. Oltre a un concerto da camera che si terrà all’interno del Conservatorio.

Sono tantissimi gli eventi che caratterizzeranno l’edizione 2012 della Festa Europea della Musica di Roma, in particolare, sabato 23 giugno alle 18, in Piazza di Spagna, Scalinata di Trinità dei Monti, il concerto sinfonico dei cinquantacinque elementi della Symphonie Orchester Christian – Ernst Gymnasium di Erlangen diretta dal Maestro Andreas Englhardt.  In collaborazione con l’Ambasciata di Germania di Roma. Originale anche la proposta dell’House concert, un concerto di chitarre per pochi spettatori, in un’abitazione privata: un modo di ascoltare musica dal vivo che rievoca l’antica dimensione della ‘musica di corte’ rinascimentale.

Potrebbero interessarti anche