11:23 | Aborto, la legge 194 all’esame della Consulta

A trentaquattro anni dalla sua approvazione la legge sull’aborto torna a dividere il Paese. Oggi la Corte Costituzionale valuterà la 194/78 (il testo della legge):  il pronunciamento della Consulta e’ molto atteso sia dai movimenti pro-life (antiabortisti) sia da coloro che chiedono la difesa della norma.

A sollevare il caso questa volta è stato un giudice del Tribunale di Spoleto, dopo la richiesta di una ragazza di abortire senza coinvolgere i genitori. Il giudice minorile ha risposto sollevando l’incidente di costituzionalita’, avendo rilevato un contrasto rispetto a quanto indicato dalla Corte europea per i diritti dell’uomo sulla tutela assoluta dell’embrione umano. Secondo il giudice la facoltà prevista dall’articolo 4 di procedere volontariamente all’interruzione della gravidanza entro i primi 90 giorni dal concepimento comporta, infatti, ”l’inevitabile risultato della distruzione di quell’embrione umano che e’ stato riconosciuto quale soggetto da tutelarsi in modo assoluto”. L’articolo 4 della legge 194 si porrebbe, secondo il giudice, in contrasto con i principi generali della Costituzione e in particolare con quelli della tutela dei diritti inviolabili dell’uomo (articolo 2) e del diritto fondamentale alla salute dell’individuo (articolo 32).

La Corte dovrà esaminare la validità dell’art. 4, relativo alle circostanze che legittimano l’interruzione di gravidanza (Ivg). In discussione, dunque, non è il diritto della minore ad abortire, poiché la norma in esame ha in realtà valore e ricaduta ben più ampia sul diritto stesso della donna di scegliere se portare avanti o meno la gravidanza.

Molte le polemiche che si stanno susseguendo da giorni, rinnovando una battaglia che si consuma da quaranta anni. Il rischio, avvertono i movimenti a difesa della legge, è che si torni alla piaga degli aborti clandestini (che tutt’oggi esiste, soprattutto tra le immigrate) che una volta venivano praticati dalle ‘mammane’ su tavoli da cucina e tramite ferri da calza.

Potrebbero interessarti anche