Stasera a Villa Giulia il Premio Strega

Villa_GiuliaL’evento cultural-mondano più ambito in Italia. La cinquina dei finalisti e i candidati al podio

 

ROMA – Finalmente ci siamo. Stasera al Ninfeo di Villa Giulia la comunità letteraria al gran completo, con contorno di politici, grand commis, critici e amministratori locali si ritroveranno “attovagliati” per assistere all’aggiudicazione del Premio Strega, l’unico rito cultural-mondano che conta veramente in Italia.

L’afa di stasera rispetterà la tradizione, i buffet resisteranno all’orda dei barbari, le chiacchiere prima del voto sono quelle di sempre, “gli scrittori giocano la loro partita pulita, ma le pressioni degli editori sono decisamente forti”, “senza l’influenza delle case editrici sarebbe tutto più limpido”, e la liturgia, con quel suo pizzico di ipocrisia, è rimasta sempre uguale in 65 anni di vita. L’unica variante stasera riguarda le scommesse su quali e quanti ministri del governo Monti si faranno vedere

Dopo le selezioni dei mesi scorsi, a contendersi il premio questa volta saranno Gianrico Carofiglio (“Il silenzio dell’onda”, Rizzoli), Emanuele Trevi (“Qualcosa di scritto”, Ponte alle grazie), Marcello Fois (“Nel tempo di mezzo”, Einaudi), Lorenza Ghinella (“La colpa”, Newton Compton), unica donna in gara, e Alessandro Piperno (“Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi”, Mondadori). Anche la ripartizione della cinquina dei finalisti tra cinque case editrici diverse sembra diventata una regola non scritta dello Strega che, lungi da qualsiasi criterio democratico, è solo un mezzo per arricchire il campo dei partenti e dare verve alla competizione.

I pronostici della vigilia danno sul podio, nell’ordine, Marcello Fois, Gianrico Carofiglio e Alessandro Piperno. Ma si sa, i giurati potrebbero riservare nell’urna anche qualche sorpresa. D’altronde senza un minimo di suspense che gara sarebbe!

Potrebbero interessarti anche