11:30 | Carburanti, raffica di rincari alla pompa lontano dagli sconti del weekend

Lontano dai maxi-sconti self dei weekend, i prezzi alla pompa continuano a salire anche per via degli aumenti delle quotazioni internazionali. Un rimbalzo nei giorni lavorativi che, inevitabilmente, aumenta le già forti tensioni dell’intero sistema distributivo nazionale.

Stando alla rilevazione della Staffetta Quotidiana e di quotidianoenergia.it, questa mattina hanno ritoccato al rialzo Eni, che sale sulla benzina di 1,2 cent euro/litro e sul diesel di 1,3; Esso (+1 e +0,5); Q8 (+0,5 e +1); TotalErg (rispettivamente +0,4 e +1 cent) e IP (+2 cent solo sul diesel).

Aumentano così i prezzi consigliati alla pompa, con le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito che salgono per la benzina a 1,837 euro/litro (+0,6 centesimi) e per il diesel a 1,734 euro/litro (+1 centesimo). Invariato il Gpl Eni a 0,729 euro/litro, ritocco al rialzo per il metano a 0,970 euro/kg.

A livello Paese il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità servito) va dall’1,825 euro/litro di Eni all’1,832 di IP (no-logo in ascesa a 1,722). Per il diesel si passa dall’1,712 euro/litro di Eni, Shell e Tamoil all’1,726 ancora di IP (no-logo su a 1,603). Il Gpl è tra 0,727 euro/litro di Eni e 0,758 di Shell (no-logo a 0,732).

Ieri si è registrato il sesto aumento consecutivo per la quotazione internazionale del diesel, mentre la benzina è al secondo rialzo, dopo il balzo di venerdì scorso. Il prezzo internazionale della benzina si è attestato ieri a 601 euro per mille litri (+4), quello del diesel a 650 euro per mille litri (+9, valore massimo dall’inizio di maggio).

Potrebbero interessarti anche