17:55 | Borsa: chiude contrastata, Ftse Mib + 0,43%. In rialzo le altre piazze europee

Piazza Affari chiude contrastata una seduta all’insegna della volatilità. Il Ftse Mib ha segnato un +0,43% a 13.594 punti, mentre l’All Share cede lo 0,17%. Positivi i principali listini europei e Wall Street, mentre il Fondo monetario internazionale ha chiesto all’Italia di tagliare le spese e ridurre le tasse e lanciato un nuovo allarme sulla crescita in Europa. Chiude sotto i 490 punti il differenziale tra Btp decennali e Bund tedeschi.

Sul paniere principale milanese, a due velocità bancari, energetici e industriali. Giù Fiat. Bene St e Mediaset all’indomani dell’annuncio di un nuovo taglio dei costi. Fuori dal Ftse Mib, tonfo di Fonsai. Tra gli istituti di credito, in netto calo Mps (-2,78%). Giu’ anche Unicredit (-0,93%). In rialzo Intesa sp (+2%) e Mediobanca (+0,71%). Nell’ energia, bene Eni (+2%); in calo Snam (-4,76%) ed Enel (-1,27%).

Fuori dal paniere principale, tonfo di Fonsai, dopo un avvio in rialzo (-43,96%; -10,95% i diritti dell’aumento di capitale). In calo anche i titoli delle altre societa’ coinvolte nella fusione a quattro: Unipol (-3,23%; -25,64% i diritti), Premafin (-3,95%) e Milano assicurazioni (-2,96%).

Le borse europee chiudono in rialzo grazie al solido andamento di Wall Street, trainata dalle buone trimestrali di Intel e Honeywell. Il Dax di Francoforte cresce dell’1,62% a 6.684,42 punti, l’Ftse 100 di Londra sale dell’ 1,01% a 5.685,77 punti, il Cac 40 di Parigi segna +1,84% a 3.235,40 punti. Guadagni minori per Madrid, dove l’Ibex registra un progresso dello 0,5% a 6.951,2 punti. Da segnalare il balzo del 15,88% di Bankia, che ieri era sprofondata per le incertezze sui piani di ristrutturazione del settore bancario spagnolo.

Potrebbero interessarti anche