12:48 | Acea, flashmob di Sel in piazza Campidoglio: acqua pubblica

Sono saliti sulla scalinata del Palazzo Senatorio e hanno srotolato un grosso striscione bianco con un’enorme scritta rossa su cui si legge: “Alemanno rispetti la volontà popolare, no alla privatizzazione Acea”.

Con questo flashmob una ventina di esponenti di Sel, tra cui i segretari di Sel Roma e Sel Lazio, Giancarlo Torricelli e Guglielmo Abbondati, il consigliere comunale Gemma Azuni e il consigliere provinciale Gianluca Peciola, hanno manifestato in piazza del Campidoglio per dire no alla privatizzazione di Acea. Dopo aver mostrato lo striscione, dalla scalinata hanno gridato in coro “acqua pubblica”, “dimissioni” e “buffone”, rivolti al sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

I manifestanti hanno distribuito anche dei volantini con scritto: “La Corte Costituzionale ha bocciato la norma che imponeva l’obbligo della privatizzazione dei servizi pubblici locali. No alla vendita del 21% di Acea, subito ritiro della delibera 32. Alemanno rispetti la democrazia e il boto referendario dello scorso anno”.

Dopo pochi minuti lo striscione è stato rimosso. Scendendo dal Palazzo Senatorio, Peciola ha spiegato: “Bisogna dare ancora più voce al movimento che chiede il ritiro della delibera, perché questo ennesimo stop dimostra l’incapacità dell’amministrazione Alemanno. È una città allo sbando, che non ha un esecutivo in grado di governarla. Andremo avanti con la nostra battaglia nelle piazze e in consiglio comunale – ha aggiunto – il nostro ostruzionismo fatto sta pagando. Chiediamo le dimissioni del sindaco e che si torni a votare prima del previsto”.

Potrebbero interessarti anche