Agenzia Giornalistica, Gianni Di Giovanni nuovo presidente

gianni-di-giovanniDal 2006 è in Eni con il ruolo di vice presidente della Comunicazione esterna. Daniela Viglione confermata ad

 

ROMA – Gianni Di Giovanni è stato nominato presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Agi. Il Cda, ha inoltre confermato Daniela Viglione Amministratore Delegato.

Il nuovo presidente di Agi continuerà a rafforzare la strategia di internazionalizzazione dell’agenzia intrapresa alcuni anni orsono. Ulteriore stimolo e spinta sarà data al management dell’Agi impegnato nel percorso di digitalizzazione e sviluppo di internet che l’Agi ha intrapreso e sta percorrendo.

E’ il primo presidente di Agi, che dalla sua nascita fino al 1997 è stata guidata da amministratori unici, e dal 1997 ad oggi da manager che hanno ricoperto contemporaneamente le cariche di presidente ed Amministratore Delegato. Negli ultimi quindici anni, soprattutto nel ruolo di Executive Director External Relation delle telecom Stet, Wind, Tim, Di Giovanni ha lavorato con corporation, media, opinion makers e governi di oltre 80 Paesi, in particolare nei grandi mercati emergenti di America Latina, Medio Oriente, Asia e in Turchia, nella stagione più importante del settore, quella delle liberalizzazioni del mercato e delle grandi privatizzazioni, ed è tra i precursori sull’utilizzo dei nuovi media.

Da gennaio 2006 è in Eni dove ricopre il ruolo di Executive Vice President External Communication e  coordina il lavoro degli uomini della comunicazione dell’azienda sparsi in quasi tutto il mondo. E’ direttore della rivista Oil, il nuovo magazine voluto da Eni che si pone come interlocutore privilegiato rispetto alle tematiche in campo energetico.

Nata nel 1950 con la missione di affiancare con i suoi notiziari il mondo editoriale, economico, industriale e la Pubblica Amministrazione, l’Agenzia Italia è una delle voci più autorevoli nel mondo dell’informazione giornalistica. Da oltre 60 anni Agi fornisce una copertura completa degli avvenimenti italiani ed esteri, grazie a 16 redazioni sul territorio nazionale, l’ufficio di rappresentanza a Bruxelles, le presenze estere a Pechino, Mosca, Bagdad, e gli oltre 100 tra inviati, giornalisti e reporter.

Potrebbero interessarti anche