Roma-Latina, ok del Cipe alla bretella Tor de’ Cenci-A12

Roma-Latina_sliderDopo la pronuncia del Consiglio di Stato si potrà partire con gara d’appalto per aprire i cantieri nel 2013

ROMA – Il Cipe ha approvato questa mattina il progetto definitivo della Roma-Latina. La delibera dà il via al tratto Roma-Tor de’ Cenci-innesto A12 e si stabilisce che dopo la pronuncia del Consiglio di Stato si potrà partire con la gara d’appalto, con la previsione di aprire i cantieri nel 2013.

“Oggi è una giornata importante per le infrastrutture del Lazio. La delibera Cipe che ha approvato il progetto definitivo per la Roma-Latina segna una svolta per un’opera in cui questa Giunta, e io personalmente, ha creduto sin dall’inizio”, afferma il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini.

“Ci siamo impegnati con determinazione – aggiunge – lavorando sia con il governo precedente che con quello attuale. Abbiamo ottenuto lo sblocco dei fondi pubblici e l’inserimento della Roma-Latina tra le opere strategiche nazionali. Contemporaneamente ci siamo occupati del lungo contenzioso ereditato dal passato che ha visto già sentenze favorevoli da parte del Tar. La decisione del Cipe oggi premia questo lavoro e una volta che si sarà pronunciato il Consiglio di Stato, fiduciosi che l’esito confermerà quanto già stabilito dal Tar, si potrà partire con la gara. Ci sono tutte le condizioni per poter dare avvio ad una infrastruttura determinante per il sistema viario del Lazio e che – conclude Polverini – avrà ricadute positive per le imprese e per l’occupazione”.

Roma-Latina_piantina

Non sono mancate ovviamente le voci contrarie. Il Consiglio Provinciale di Roma ha accolto all’unanimità con 28 voti favorevoli la mozione del Consigliere Piero Cucunato (Pdl) che chiedeva la sospensione e la revisione del progetto sul corridoio intermodale della Roma Latina.

“Ho presentato questa mozione per sollecitare un tavolo interistituzionale con Regione Comune e Municipio – ha sostenuto durante il dibattimento il consigliere Cucunato – perché negli ultimi mesi si è svolto un ampio dibattito pubblico che ha coinvolto cittadini, associazioni ed istituzioni che ha evidenziato le devastanti conseguenze di questa opera sotto il profilo ambientale, urbanistico e ideologico in un territorio che ha visto negli ultimi venti anni un’ampia trasformazione urbana e la crescita di un tessuto economico che con l’opera prevista avrebbe serie conseguenze”.

“L’opera – ha continuato Ccucunato – va rivisitata perché il progetto iniziale, datato ormai da un ventennio, è in contrasto con il territorio e con lo sviluppo urbano che la fascia dei quartieri di Mezzocammino , Villaggio Azzurro, Vitina, Spinacelo e Tor dei Cenci ha avuto in questi anni.

“Ho chiesto che con il documento approvato, la Provincia oltre a manifestare contrarietà all’attuale progetto, si faccia carico presso le autorità competenti di verificare i pareri e le autorizzazioni per il rispetto dell’iter previsto per le grandi opere oltre a manifestare al Governo il costo esorbitante che un’opera del genere produce sui cittadini”.

Contrari al progetto della Bretella anche i Verdi Bonessio e Bonelli e il vicesindaco di Roma Sveva Belviso.

Potrebbero interessarti anche