Il Festival di Locarno approda a Roma

Locarno-a-Roma

Sul grande schermo della Capitale i migliori film che hanno contrassegnato il festival svizzero 2012

 

I film del Festival di Locarno approdano a Roma, nel corso della rassegna Notti di Cinema a Piazza Vittorio. Dal 30 agosto al 2 settembre andranno i scena all’arena (la sede, in caso di pioggia, sarà invece spostata nella Multisala Barberini) alcune delle opere più interessanti presentate durante la kermesse svizzera svoltasi qualche settimana fa. La rassegna è stata presentata ieri dall’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, Dino Gasperini, dal presidente del Festival del film Locarno, Marco Solari e dal neo-presidente dell’Anec Lazio Giorgio Ferrero.

Tra i film in programmazione La fille de nulle part di Jean Claude Brisseau, film vincitore del Pardo d’Oro; Somebody up there likes me di Robert Byington, Premio speciale della Giuria; Wo hai you hua yao shuo di Ying Liang; Der glanz des tages di Tizza Covi e Rainer Frimmel; Starlet di Sean Baker; Padroni di casa di Edoardo Gabriellini con Elio Germano e Valerio Mastandrea.

La rassegna Locarno a Roma fa parte del progetto dell’Anec Lazio I Cinema attraverso i Grandi Festival e vedrà la proiezione di due film a serata (orario: 20 e 22,30), al costo di 7 Euro a film. L’ingresso è vietato ai minori non essendo stati le opere ancora sottoposte al visto di censura.

Attesissimi tutti gli 8 film in cartellone, rigorosamente in anteprima ed in versione originale con sottotitoli italiani.

30/08 h. 20,30 DER GLANZ DES TAGES (The Shine of Day), di Tizza Covi e Rainer Frimmel, Pardo per la migliore interpretazione maschile a Walter Saabel, è una pellicola realistica, semi-improvvisata e seriocomica basata su come le impreviste relazioni tra gli uomini possano cambiare la vita inquadrata di qualcuno. Il film ha conseguito anche la Menzione Speciale della Giuria Ecumenica e il Premio Don Quijote, assegnato dalla Federazione Internazionale dei Cineclub (FICC/IFFS).

30/08 h. 22,15 STARLET di Sean Baker, vincitore del Primo Premio Giuria dei Giovani, racconta un’insolita relazione tra una donna anziana e solitaria e la giovane Jane, interpretata da Dree Hemingway, attrice rivelazione, nonché pronipote dello scrittore.

31/08 h. 20,30 SOMEBODY UP THERE LIKES ME di Robert Byington, Premio speciale della Giuria, è una tragicommedia dall’umorismo tagliente e surreale sulla vita di un uomo, la cui età anagrafica rimane bloccata a 30 anni.

31/08 h.22,00 UNE ESTONIENNE À PARIS, di Ilmar Raag, vincitore del Premio Ecumenico, si contraddistingue non solo per la sua delicatezza ma anche per la raffinata interpretazione di Jeanne Moreau.

01/09 h. 20,30 PADRONI DI CASA di Edoardo Gabbriellini, l’unico film italiano in Concorso, è un “giallo” che vede Gianni Morandi nei panni di un famoso cantante ritiratosi dalle scene, la cui vita si intreccia con quella di due giovani imprenditori edili, interpretati da Elio Germano e Valerio Mastandrea.

01/09 h.22,15 WO HAI YOU HUA YAO SHUO (When Night Falls), di Ying Liang, è il vincitore del Pardo per la migliore Regia e del Pardo per la migliore interpretazione femminile conferito ad An Nai. Il giovane regista sud coreano, mette in scena la vera storia di un uomo che uccide sei agenti di polizia dopo essere stato picchiato per aver guidato una bicicletta senza targa.

02/09 h. 20,30 LA FILLE DE NULLE PART (The Girl from nowhere) di Jean Claude Brisseau, film vincitore del premio Pardo d’Oro, narra la relazione platonica tra un vecchio professore e una giovane emarginata, cercando di mescolare squarci di vita quotidiana con elementi fantastici e paranormali.

Inoltre, dalla sezione Cineasti del Presente, il 2 settembre alle 22,15, verrà proiettata l’opera prima di Niccolò Castelli, TUTTI GIÙ, che racconta la vicenda di tre giovani alle prese con il mondo “adulto”.

Marco Solari, presidente del Festival del film Locarno, ha ribadito l’importanza del fedele sodalizio con l’Anec Lazio, esprimendo grande soddisfazione sia per il fatto che il Festival è ancora una volta presente in una città come Roma, sia per la ricca selezione dei film che quest’anno partecipano alla rassegna.

In risposta agli articoli apparsi sulla stampa italiana durante il Festival che lamentavano la mancanza di attenzione di quest’ultimo verso il cinema italiano, il presidente ha tenuto a sottolineare  come “invece, sia proprio il cinema italiano ad autoescludersi dalla partecipazione al Festival. Ciò è ancor più vero considerando che, in questa 65^ edizione, i film italiani presentati nelle sezioni più importanti erano un numero davvero esiguo. La speranza del Festival di Locarno, che registra ogni anno la presenza di quasi mille giornalisti e oltre tremila specialisti del mondo della cinematografia compresi un numero crescente di distributori, è che già a partire dal 2013 la presenza italiana possa essere decisamente più marcata”.

Soddisfazione per l’iniziativa espressa anche da parte dell’Assessore Gasperini, che ha evidenziato l’importanza di mostrare al grande pubblico opere di qualità, che purtroppo, troppo spesso vengono sacrificate dai rigidi criteri di mercato.

Nel frattempo Olivier Père, per tre anni alla direzione artistica della manifestazione cinematografica elvetica, lascia il circuito dei festival per diventare direttore generale di Arte France Cinema. Una seduta del cda è stata indetta per il 4 settembre, dove il presidente Marco Solari, in accordo con il Consiglio Direttivo, presenterà al consiglio di amministrazione – organo di nomina del direttore artistico – una proposta di successione.

Subito dopo sarà annunciato il nome del nuovo direttore. Marco Solari si dice “molto riconoscente per l’intenso lavoro svolto in questi tre anni, che ha consolidato la posizione di Locarno nel panorama internazionale”. L’ex direttore artistico lasciando l’incarico ha commentato: “Utile, esigente e perfettamente organizzato, il Festival è una grande manifestazione cinematografica internazionale con una solida reputazione nel mondo intero, lo lascio con profonda tristezza ma anche con l’immensa soddisfazione del lavoro svolto”.

IL PROGRAMMA:  Programma_Locarno_a_Roma_2012.pdf

Potrebbero interessarti anche