16:07 | Vaticano, Rene Bruelhart nuovo esperto internazionale per antiriciclaggio

Un nuovo esperto internazionale in materia di antiriciclaggio è stato chiamato a lavorare in Vaticano per dare seguito all’ impegno già intrapreso di adeguare le procedure finanziarie della Santa Sede agli standard internazionale in materia di trasparenza finanziaria. Si tratta di Rene Bruelhart, 40 anni, un legale originario di Friburgo, in Svizzera.

Nei mesi scorsi Moneyval, l’organismo del Consiglio d’ Europa che si occupa valutare i Paesi in materia di antiriciclaggio, aveva dato un primo giudizio sulla Santa Sede rilevando punti negativi e positivi, e comunque sottolineando i passi avanti del Vaticano. La notizia e’ riportata oggi dalla Radio Vaticana.

”Dopo l’ Assemblea e il Rapporto di Moneyval su Vaticano e Santa Sede – afferma l’emittente vaticana – di cui si e’ ampiamente parlato nel mese di luglio, non e’ tempo di allentare l’impegno, ma bisogna darsi da fare per rispondere alle raccomandazioni e continuare efficacemente sulla strada intrapresa della trasparenza e dell’affidabilità finanziaria, dell’efficacia delle misure per la lotta contro il riciclaggio. Un segnale forte in questa direzione – si spiega – e’ il fatto che la Santa Sede, come informa Padre Federico Lombardi – ha deciso di avvalersi della collaborazione sistematica di un esperto internazionale nelle attivita’ della lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo (Aml/Cft)”.

”Rene Bruelhart, 40 anni, e’ stato per otto anni direttore della Financial Intelligence Unit (Fiu) del Liechtenstein – prosegue padre Lombardi – ed e’ un vero esperto nella lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo”. Come direttore della Fiu del Lichtenstein, nel 2010 e’ stato anche nominato vicepresidente del Gruppo Egmont, la rete globale delle Fiu.

Bruelhart ha iniziato con settembre il suo servizio come consultore della Santa Sede in tutte le materie connesse con l’antiriciclaggio e la lotta al finanziamento del terrorismo. Il suo compito e’ di assistere la Santa Sede nel rafforzare i suoi strumenti di lotta contro i crimini finanziari”.

Potrebbero interessarti anche