Iniziative per il 142° anniversario della Breccia di Porta Pia

porta_piaUna serie di manifestazioni organizzate da oggi fino a domenica per festeggiare l’inizio di Roma Capitale

ROMA – “Sono passati già due anni da quando Roma ha celebrato il 140° anniversario di Roma Capitale. Per noi questo momento è di estrema importanza perché è il ricongiungimento della nostra città con il resto d’Italia. E’ un momento di libertà e di grandi festeggiamenti”. Con queste parole il sindaco Gianni Alemanno è intervenuto questa mattina alla cerimonia di deposizione di una corona d’alloro alla lapide monumentale che ricorda la Breccia di Porta Pia, in occasione del 142° anniversario dell’ingresso dei bersaglieri nella futura Capitale dello Stato Unitario.

“E’ una delle due grandi feste dedicate a tutti i cittadini – ha detto ancora il Sindaco – dopo il Natale di Roma, che riguarda la Roma antica, quella di oggi è la festa della Roma moderna, che segna l’inizio di Roma Capitale e che dobbiamo pienamente attuare completando la riforma. E’, inoltre, un momento di libertà e di grandi festeggiamenti; due anni fa abbiamo anche celebrato la ricorrenza con la presenza del Cardinal Bertone a testimonianza del superamento di conflitti e di un certo anticlericalismo”.

Per celebrare la storica data del 20 settembre 1870, Roma Capitale ha promosso una serie di iniziative in programma tra oggi, sabato 22 e domenica 23 settembre nell’ambito delle iniziative e delle manifestazioni messe a punto dal generale Antonino Torre, consigliere delegato del Sindaco per i rapporti con le Forze Armate.

Oggi giovedì 20 settembre
Ore 20.30, Largo 16 ottobre 1943: con il concerto della Fanfara dei Bersaglieri di Roma al Portico d’Ottavia si ricorda un momento di profondo significato per la storia di Roma e della Comunità Ebraica romana, la più antica d’Europa.
Il 20 settembre 1870, infatti, toccò ad un ufficiale ebreo piemontese l’onore di comandare la batteria dei cannoni che aprì una breccia nelle mura a Porta Pia. Le sei porte con le quali ogni sera veniva chiuso il Ghetto vennero distrutte e gli ebrei equiparati agli altri cittadini italiani.

Sabato 22 settembre
Al mattino, staffetta tra via Casal de’ Pazzi (un tempo sede del quartier generale del generale Cadorna) e il Gianicolo, con sosta a Porta Pia. All’arrivo, accensione del tripode al monumento a Giuseppe Garibaldi, in contemporanea con il colpo di cannone di mezzogiorno. A seguire il concerto di fanfara davanti al monumento di Garibaldi. Prevista la partecipazione del Sindaco. Nel pomeriggio, tra le ore 15.30 e le 17, concerti in tre piazze di Roma (piazza di Spagna, piazza San Silvestro e Pantheon), ciascuno della durata di un’ora.

Ore 20.30: concerto spettacolo di carattere storico rievocativo in piazza del Campidoglio. Il concerto di due fanfare dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, quella di Roma e quella di Guidonia, verrà intervallato da quadri storici realizzati da figuranti nelle uniformi dei Garibaldini, Zuavi e Bersaglieri che ricorderanno rispettivamente la battaglia di Mentana del 1869, quella della Cernaia durante la campagna di Crimea, nella quale i Bersaglieri ebbero in dono dagli Zuavi il fez che ancora usano, e la presa di Porta Pia.

Il poeta romanesco Renato Merlino reciterà alcune poesie che hanno per tema i Bersaglieri e la presa di Roma. All’evento, patrocinato da Roma Capitale e condotto da Angelo Blasetti, saranno presenti il sindaco, Gianni Alemanno e il consigliere delegato ai rapporti con le Forze Armate, Antonino Torre. Nell’occasione sarà presentato il fumetto storico sulla presa di Roma del professor Saverio Di Tullio, appositamente realizzato su iniziativa del generale Torre.

Domenica 23 settembre
Ore 11: sfilata dal Colosseo a piazza Venezia: circa duemila partecipanti in uniforme storica tra Bersaglieri a piedi e in bicicletta, Zuavi, Granatieri, Bersaglieri Artiglieri, Carabinieri, Guardia di Finanza, volontarie infermiere della Croce Rossa, Cavalleggeri e Garibaldini.

In conclusione la cerimonia all’Altare della Patria: onori al Milite Ignoto (da parte del Sindaco e del presidente dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, accompagnati dal generale Antonino Torre) e concerti di cinque fanfare su via dei Fori Imperiali.

Potrebbero interessarti anche