14:27 | P.A., oltre 100 giorni per pagamenti a piccole e medie imprese

Sono più di 100, più precisamente 104,5, i giorni che la Pubblica Amministrazione ha impiegato mediamente nel primo semestre 2012 per pagare le piccole imprese italiane. Sono questi i risultati che emergono dall’Indagine sui ‘Tempi di Pagamento’ effettuata da Fondazione Impresa su un campione di 1.200 piccole aziende italiane con meno di 20 addetti.

Più nel dettaglio i tempi medi di pagamento dei clienti privati sono pari a 77,1 giorni mentre nel caso della Pubblica Amministrazione le piccole imprese devono attendere 104,5 giorni. Con la P.A. sono l’artigianato (127,1 giorni) e le piccole imprese manifatturiere (121,8 gg) a soffrire di più dei ritardi, così come le piccole imprese del Sud (112,8 giorni) e del Nord Est (108,3 giorni).

“Si tratta di tempistiche che – come sostengono i ricercatori di Fondazione Impresa – mettono in crisi le piccole realtà aziendali; con l’acuirsi della crisi economica queste stanno soffrendo sempre di più, specie per la mancanza di liquidità”.
Le piccole imprese cercano di reagire attuando politiche e strategie per anticipare gli incassi (il 35% di queste ha adottato misure in questa direzione) e stanno sfruttando, almeno in parte, le azioni messe in campo dal Governo per contrastare la lotta ai pagamenti che riguardano la certificazione dei crediti vantati con la Pubblica Amministrazione e la compensazione dei crediti con debiti: quasi 1 impresa su 4 (il 22,7%) si e’ informata sulla questione o ha già avviato le pratiche.

I tempi di pagamento sono comunque in miglioramento rispetto alla precedente indagine di Fondazione Impresa e questo segnale e’ incoraggiante in quanto sembra che le campagne di sensibilizzazione legate al tema dei ritardi dei pagamenti e le misure introdotte dal Governo stiano portando i primi effetti positivi.

“La piaga dei ritardi di pagamento – proseguono i ricercatori di Fondazione Impresa – non è ovviamente risolta e l’auspicio è quello che la Direttiva Europea sui tempi di pagamento che stabilisce pagamenti entro 30 o al massimo a 60 giorni trovi una piena applicazione in Italia. Si tratta di una risposta necessaria che le piccole imprese attendono con impazienza in modo da risolvere i problemi di liquidità che uniti alla recessione stanno mettendo a rischio la loro sopravvivenza”.

Potrebbero interessarti anche