10:16 | Calciomercato Lazio, da Petkovic a Candreva: quando il low-cost vince

Con otto vittorie nelle prime uscite gare ufficiali della stagione la Lazio si è ripresa quella ribalta che in estate aveva perso, con una serie di prestazioni in pre-campionato assolutamente negative. Ma il calcio d’agosto, si sa, non vale niente. E così la Roma che in estate veniva esaltata da tutti ora fatica, mentre i biancocelesti sono in piena zona Champions. A sorpresa? Non proprio, visto che da due anni la Lazio finisce il campionato sopra ai cugini ed ad un passo dalla zona Champions, dietro a quella Udinese dalla quale evidentemente Lotito ha tratto insegnamento. E lo fa in puro stile Platini: ovvero all’insegna dell’utile di bilancio.

Come sottolinea oggi La Gazzetta dello Sport, solo tre calciatori dell’undici titolare di Petkovic sono stati pagati più di 5 milioni di euro; addirittura solo Hernanes più di 10. Lotito ha tratto insegnamento dal caso Zarate: nel 2009, dopo una stagione fantastica, la Lazio lo prese per 20 milioni di euro. Da due anni l’argentino è fuori dal calcio che conta.

E allora il top-player è meglio scovarlo in giro per l’Europa o crearlo in casa. Candreva è stato preso in prestito a gennaio e poi riscattato per metà la scorsa estate a 1,7 milioni; il bomber Klose è arrivato a parametro zero, così come Ederson; Lulic per neanche 3 milioni dallo Young Boys, mentre Marchetti è stato preso a prezzo di saldo dal Cagliari dopo le liti con Cellino. L’undici titolare della Lazio è costato 42,3 milioni di euro: in pratica una squadra intera pagata meno di un grande bomber europeo.

Per non parlare di Petkovic, sconosciuto fino a tre mesi fa e tra i tecnici meno pagati della Serie A, ora elogiato per il suo stile ed il suo modo di giocare. In attesa di quello vero, Lotito ha già vinto a mani basse lo Scudetto del mercato.

Potrebbero interessarti anche