07:46 | Le pagelle di Genoa-Roma

Dopo un inizio shock con il Genoa che va sul 2-0 grazie alle reti di Kucka e Jankovic, la Roma di Zeman esce fuori a sorpresa e ribalta il risultato. Totti si carica sulle spalle la squadra giallorossa e accorcia le distanze, poi una doppietta di Osvaldo e una rete di Lamela fissano il punteggio sul 2-4.

Tra i padroni di casa male il pacchetto difensivo, mentre da salvare c’è sicuramente la prestazione di Borriello. Tra i giallorossi decisamente da segnalare la gare delle tre punte, mentre Tachtsidis e Balzaretti sono apparsi in difficoltà.

GENOA
Frey 6 – Nel primo tempo salva d’istinto su Lamela, poi nulla può sul tiro a bersaglio della Roma.
Bovo 5 – Un po’ troppo ‘morbido’ in occasione del gol di Totti. Soffre tantissimo Totti, ed è inevitabile.
Granqvist 5 – Osvaldo è un brutto cliente, soprattutto quando l’argentino è ispirato come questa sera.
Canini 5 – Non riesce a arginare le falle quando la Roma rientra in partita.
Moretti 5 – Lamela lo punta continuamente, ma a dargli fastidio sono soprattutto le sovrapposizioni di Piris. Dalla sua parte arrivano tre gol romanisti su quattro.
Jankovic 6 – Inizia alla grande realizzando il gol del 2-0 dopo un bellissimo tiro in semirovesciata che si stampa sulla traversa. Poi cala con i compagni e via via scompare dalla scena.
Kucka 6 – Realizza il bellissimo gol dell’illusorio vantaggio, poi la Roma prende campo e soffre.
Seymour 5,5 – Mai troppo propositivo, si limita a limitare con alterni risultati il possesso palla degli ospiti.– Dal 62’ Bertolacci  5 – Non entra in partita, non riesce a incidere. Ma entra nel momento più difficile.
Antonelli 5,5 – Nel primo tempo ha il grande merito di innescare le azioni dei due gol. Poi poco altro. Dal 70’ Melazzi sv.
Borriello 6 – Splendido l’assist di tacco sul gol di Kucka. Sfiora con una giocata da grande giocatore il gol del 3-0 che avrebbe indirizzato la partita verso un altro tipo di andamento.
Jorquera 5,5 – Gioca in appoggio a Borriello, Stekelenburg gli nega il gol del 3-1. Dal 54’ Immobile 5 – Ce la mette tutta, ma al momento del suo ingresso in campo la partita è già girata in maniera irreversibile.
All. De Canio 5 – Dopo un inzio da aurlo della sua squadra non riesce ad arginare la reazione d’orgoglio degli avversari. Che mandano in tilt tutti quei meccanismi che avevano illuso nei primi minuti.

ROMA
Stekelenburg 7 – Incolpevole sui gol. Grandissima parata su Borriello quando il risultato era ancora 2-0 per il Genoa. Si ripete su Jorquera dopo il gol di Totti. Decisivo.
Piris 6,5 – Confusionario e timido in copertura, ha il grande merito di fornire gli assist per i gol di Totti e Osvaldo. Cresce con il passare dei minuti in quella che senza dubbio è la sua prestazione più positiva da quando è in Italia.
Marquinhos 6 – Dopo l’inizio shock grazie anche all’appoggio di Castan conferma quanto di buono fatto vedere con l’Atalanta.
Castan 6,5 – Anche quando la Roma va in apnea è l’unico lì dietro a non perdere la testa. Eleganza, tempismo e grinta ne fanno un difensore decisamente affidabile.
Balzaretti 5,5 – Soffre tantissimo Jankovic, in avanti è propositivo ma spesso impreciso.
De Rossi 6 – Da interno destro non sembra affatto a suo agio, cresce con il passare dei minuti soprattutto quando il ritmo cala e la Roma prende in mano il pallino del gioco.
Tachtsidis 5,5 – Dopo il difficilissimo inizio chiude in crescendo, anche se spesso la sua lentezza limita lui e la Roma.
Florenzi 6 – Solito motorino inesauribile e spirito d’iniziativa che ne fanno, al solito, uno dei migliori in campo. Dal 77′ Pjanic sv.
Lamela 7 – Ottima prestazione del fantasista argentino che gara dopo gara è sempre più incisivo in fase offensiva e in zona gol. Chiude la partita con un un bel sinistro.
Osvaldo 7,5 – Gira con rabbia verso la porta di Frey in occasione del gol del 2-2, poi replica con la freddezza del killer d’area di rigore. Trascinante e imprescindibile per questa squadra. Dall’88’ Bradley sv.
Totti 7,5 – con grande carattere e con un gran gol rimette in corsa la Roma. Poi la guida verso una grande rimonta.
All. Zeman 6 – L’avvio dei suoi è sconcertante: non è la prima volta che accade quest’anno e non è un qualcosa di accettabile a questi livelli. La grande reazione e la bella vittoria sono ossigeno puro.

Arbitro: Orsato 6 – Partita senza troppi episodi dubbi.

Potrebbero interessarti anche