08:17 | Riciclaggio auto, scoperta banda italiani e stranieri: 16 arresti

Operazione della Polizia Stradale di Viterbo che ha smantellato una organizzazione composta da cittadini italiani, rumeni e bulgari, ritenuti responsabili del reato di associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita ed al riciclaggio internazionale di veicoli. L’indagine, durata più di un anno, si e’ conclusa con l’ esecuzione di 16 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 11 indagati.

Un traffico illecito su “larga scala” che andava avanti già da tempo e che assicurava ai membri dell’ organizzazione introiti così consistenti da diventare, per questi, una vera e propria “professione”, stabile, esclusiva ed altamente redditizia. Le autovetture autovetture rintracciate dalla Polizia Stradale sono 25, per un valore commerciale complessivo di circa un milione di euro.

La banda puntava a vetture di grossa cilindrata, regolarmente noleggiate in Italia ed in altri Stati dell’Unione Europea (Spagna, Olanda e Francia). In qualche caso ad essere riciclati sono stati veicoli provento di furto. All’indagine hanno contribuito anche l’Interpol e per l’arresto di alcuni componenti della banda, le Polizie di Romania, Bulgaria e Germania. Fondamentale e’ risultata anche la collaborazione delle Polizie Stradali di Roma, Napoli, Cosenza, Isernia, L’Aquila ed Agrigento.

A noleggiare le auto provvedevano dei “corrieri” che, raggiungendo dall’Italia (quasi sempre da Roma), con volo aereo, diverse località in Germania, Belgio, Spagna e Francia, si recavano presso le filiali delle più note società di autonoleggio per stipulare regolari contratti con cui entrare in possesso di autovetture di “gamma medio-alta”.

Potrebbero interessarti anche