Ntv, Montezemolo scende dal treno

Cordero_di_Montezemolo_sliderIl presidente della Ferrari lascia la presidenza di Ntv. Al suo posto Perricone, già ad del Corriere della Sera

 

ROMA – Luca Cordero di Montezemolo ha lasciato la presidenza di Ntv, la società specializzata nel trasporto ferroviario, di cui è azionista tra gli altri con Diego Della Valle. Al suo posto il cda della società, riunitosi oggi, ha nominato presidente Antonello Perricone, che ad aprile, dopo mesi di braccio di ferro tra i soci, ha lasciato la guida di Rcs Mediagroup, l’editrice del Corriere della Sera, dopo oltre 5 anni. Perricone assume anche le deleghe fin qui assegnate al vice presidente Vincenzo Cannatelli che lascia ma rimane membro del Cda.

”Sono stati anni formidabili. Ho l’orgoglio di avere contribuito a creare dal nulla un’impresa che rappresenta oggi un’importante realtà imprenditoriale in Italia e in Europa”, afferma Montezemolo. ”Un miliardo di euro di investimenti, mille persone di età media sotto i 30 anni, assunte a tempo indeterminato e un promettente successo commerciale, malgrado tante difficoltà. I crescenti impegni professionali mi impongono però – evidenzia Montezemolo – un passo indietro che mi è permesso oggi che l’azienda è pienamente operativa. Continuerò a dare tutto il mio contributo al successo di questa società, come azionista e membro del Cda”.

Ntv “ha aperto alla concorrenza e i risultati si vedono”, ha detto Montezemolo. Con Ntv attiva sul servizio dell’alta velocità, ha continuato, “i cittadini possono scegliere, il mercato è cresciuto e i prezzi sono diminuiti del 30%. Se la stessa attività fosse estesa anche ai trasporti regionali e alle merci, dove si viaggia con carri bestiame, ne trarrebbero beneficio la concorrenza e i cittadini che avrebbero servizi migliori a prezzi migliori”.

Montezemolo ha inoltre sottolineato che tra le cose da fare c’è anche un suo impegno, ma non diretto, alle prossime elezioni politiche. “Non mi candido a niente ma sono pronto a dare il mio contributo per quei dieci, dodici milioni di italiani che non sanno cosa votare e che non accettano che la politica sia quella che si legge sui giornali”, ha spiegato Montezemolo.

“Voglio contribuire a dare al Paese la classe dirigente che merita”, ha aggiunto spiegando che “si continuano a chiedere ai cittadini sacrifici, ma questi si aspettano sacrifici anche dallo Stato. Non va combattuto solo chi evade, ma anche chi non lavora e sta a poppa, mentre gli italiani remano”.

L’intenzione di lasciare la presidenza di Ntv era stata manifestata già nei mesi scorsi. Infatti, nello scorso aprile, in occasione del viaggio inaugurale di ‘Italo’ da Roma a Napoli, aveva preannunciato, a sorpresa, questa decisione. “Una volta avviato e consolidato il servizio di Ntv lascerò l’incarico”, aveva detto allora Montezemolo.

Il Cda, si legge nella nota, ha preso atto con rammarico della decisione di Luca di Montezemolo di lasciare la presidenza, incarico che ha ricoperto fin dalla sua costituzione; condivide la necessità espressa dallo stesso Montezemolo di ”evitare un’eccessiva personalizzazione di NTV e che la stessa assuma una propria identità a prescindere da chi ricopra gli incarichi”, e lo ha ringraziato per il grande contributo dato alla costruzione di questa nuova realtà del trasporto ferroviario europeo.

Il consiglio ha ringraziato anche il Vice Presidente Cannatelli che ha lasciato le deleghe operative come da mandato, avendo completato la fase di avvio della società.

Potrebbero interessarti anche