07:13 | Le pagelle di Roma-Udinese

Un film già visto all’Olimpico. Lo show di Lamela e compagni nel primo tempo, il disastro difensivo nella ripresa. I meriti questa volta spettano a Di Natale, ancora cecchino infallibile all’Olimpico con una splendida doppietta.

ROMA
Stekelenburg 5,5- Non ha colpe particolari sui tre gol dell’Udinese. Avrebbe potuto fare forse qualcosa in più in occasione della seconda rete bianconera, ma la posizione di Di Natale era troppo ravvicinata.
Piris 5 – Meno propositivo rispetto alla trasferta di Genova, rischia con una deviazione di commettere un autogol. Rimandato.
Marquinhos 5- Vittima, insieme ai suoi compagni di reparto, di contagiose dormite generali che permetto all’Udinese di arrivare con troppa facilità al tiro.
Castan 5- Ha la grinta e la maturità giusta, ma cala vistosamente nella ripresa. Da un suo contatto con  Pereyra, l’arbitro decide di assegnare il rigore: una valutazione che scatena diverse proteste tra i giallorossi.
Dodò 5,5 – Il debutto tanto atteso del terzino brasiliano dimostra perché Walter Sabatini l’ha voluto fortemente a Roma nonostante il grave infortunio subito un anno fa. Il giovane difensore giallorosso ha, infatti, corsa, grinta, tecnica e un puntuale sinistro. Gli mancano però – ma è normale che sia così – ancora i 90′ nelle gambe. Sparisce infatti dopo 30′. Dal 62′ Marquinho 5,5 – Si mette subito in mostra con alcune discese, ma si perde poi insieme a tutta la squadra.
De Rossi 5,5 – Si inserisce solo nei primi 15′. Poi pensa soprattutto a difendere con estrema generosità: l’impegno e la volontà sono encomiabili, ma la posizione non sempre quella giusta.
Tachtsidis 4,5 – Sbaglia troppi passaggi anche in assenza di marcature. Non riesce quasi mai a tamponare le ripartenze dei friulani. Disattento e deconcentrato, si fa espellere dall’arbitro dopo avergli battuto provocatoriamente le mani per l’assegnazione di un fallo.
Pjanic 5- Ancora fuori da gioco e schemi zemaniani. Non trova la giusta collocazione e gli manca la velocità per l’ultimo passaggio. Dal 68′ Florenzi sv
Lamela 6,5 – Assoluto protagonista dell’avvio show della Roma con una splendida doppietta: la prima viene siglata praticamente dalla linea di fondo, la seconda con un puntuale colpo di testa su un preciso assist di Osvaldo. Nella ripresa anche lui cala vistosamente, sbagliando diverse suggerimenti.
Osvaldo 5- Firma due ‘assist’: uno per il raddoppio di testa di Lamela, l’altro sfortunato e involontario per il gol di Domizzi. Nella ripresa va più volte vicino al gol, ma gli manca la giusta lucidità.
Totti 5,5 – Partita dai due volti anche per il capitano giallorosso. Avvio spettacolare, secondo tempo da dimenticare con diversi errori in fase di impostazione. Dall’82 Destro sv
Allenatore Zeman 4,5 – Ancora una volta una sconfitta in casa, una rimonta subita e una partita dai due volti. C’è l’obbligo di rivedere lo schieramento del centrocampo mentre è davvero preoccupante la casella dei gol subiti: i giallorossi dopo il Pescara hanno la peggior difesa del campionato.

UDINESE
Brkic 6- Vive i primi 25′ da incubo con l’assedio dei giallorossi: ha delle colpe solo sulla prima rete di Lamela. Nella ripresa invece deve solo guardare i diversi tiri dei giallorossi che terminano fuori.
Angella 5,5 – Come tutta la squadra soffre l’avvio sprint della Roma, ma con il passare dei minuti acquisisce maggiore sicurezza.  Dal 68′ Hertaux sv
Coda 6 – Cresce tantissimo nella ripresa. Con il passare del tempo riesce infatti a prendere le giuste misure, dopo aver subito un avvio devastante per agli attacchi costanti degli avversari.
Domizzi 7- Autore della prima rete bianconera: con un colpo a due passi da Stekelenburg, accorcia le distanze grazie anche ad una dormita generale della retroguardia giallorossa. Propositivo sulla sua corsia di appartenenza.
Faraoni 6 – Ha le qualità e il carattere giusti per lasciare il segno in questa stagione, ma gli manca ancora un po’ di maturità. Dal 45′ Badu 6,5 – Il suo ingresso in campo ha dato maggiore sprint sulla sua fascia.
Pereyra 6,5 – Dà vivacità alle ripartente bianconere. All’occorrenza riesce a dare una mano al reparto arretrato. Bravo e furbo nel rimediare il rigore per un contrasto con Castan.
Allan 6 – Prova di maturità dopo un avvio con diverse sbavature.
Lazzari 6,5- Dal suo piede partono improvvise invenzioni. Tiene il ritmo per tutti i 90′.
Armero 6,5- Le sue cavalcate mettono spesso in difficoltà la retroguardia giallorossa. Da un suo tiro nasce il raddoppio di Di Natale: provvidenziale. Nervoso, è protagonista di diversi battibecchi con i giallorossi. Rimedia così un cartellino giallo. Dall’81 Silva sv
Maicosuel 6,5 -Sempre propositivo e reattivo, offre una prova molto generosa. Da perfezionare l’intesa con Di Natale.
Di Natale 7 – Fallisce due ottime occasioni nel primo tempo, ma non gli manca la freddezza al 50′ quando, a due passi da Stekelenburg, riesce a deviare una conclusione di Armero. Cecchino infallibile allo scadere anche dal dischetto con un tocco sotto centrale, imparabile per il portiere olandese.
Allenatore Guidolin 6,5 – Bravo nel far ‘rialzare’ la squadra dopo i primi 25′ di follia per i costanti attacchi dei giallorossi, e a trasmettere la giusta fiducia. Ottimo l’ingresso di Badu nella ripresa che mette ancor di più in difficoltà gli avversari.

Arbitro Massa 5 : Diverse le contestazioni dei giallorossi per l’assegnazione dei cartellini e del calcio di rigore per un fallo di Castan. Graziato Armero, giusta l’espulsione a Tachtsidis per le proteste del centrocampista greco.

Potrebbero interessarti anche