12:05 | Criminalità: Latina, regolamento di conti tra bande. Due morti

Duplice omicidio la notte scorsa in una stazione di servizio di Sezze scalo in provincia di Latina.

A rimanere uccisi Alessandro Radicioli, 40 anni di Latina freddato a colpi di pistola sul posto e Tiziano Marchionne, 34enne di Latina morto all’ospedale Goretti. Un altro giovane, Gianluca Ciprian 34 anni di Latina e’ rimasto invece ferito lievemente.

I carabinieri del comando provinciale hanno arrestato poco dopo due fratelli pluripregiudicati Stefano e Maurizio Botticelli, 45 e 55 anni, mentre scappavano in auto, e di Tiziano Marchionne di 34 anni, anche lui di Latina, coinvolti nella sparatoria forse con altre persone.

Secondo una prima ricostruzione i due gruppi si erano dati appuntamento nell’area della stazione di servizio dove sono arrivate quattro auto poco prima di mezzanotte. Tutti erano armati e i carabinieri hanno parlato dal primo momento di un evidente regolamento di conti. La discussione è poi degenerata e c’è stata la sparatoria nella quale sono stati esplosi circa 15 colpi di fucile. Le due vittime erano conosciute alle forze dell’ordine perché protagonisti di un traffico di stupefacenti provenienti dalla Spagna e dal Marocco e destinati al mercato del sud pontino.

Il Prefetto della Provincia di Latina, Antonio D’Acunto ha convocato presso la prefettura un vertice urgente sulla sicurezza pubblica a seguito del grave episodio. Alla riunione, che si terrà alle 14 di oggi, prenderà parte il sottosegretario di Stato con delega alla sicurezza Carlo De Stefano. Interverranno, inoltre, i rappresentanti della direzione centrale della polizia criminale del Ministero dell’Interno, il Procuratore di Latina De Gasperis, il Questore Intini, ed i comandanti provinciali dei carabinieri, De Chiara e della Guardia di Finanza, Kalenda.

Potrebbero interessarti anche