La top ten dei vini del Lazio

vinoPremiati con i “Calix Aureus 2012” i vini più pregiati della Regione. Casale del Giglio si aggiudica 4 Calici d’Oro

 

 

ROMA – Sono stati premiati, nel corso di una cerimonia tenutasi a Roma, nella sala congressi di Eataly, i vini vincitori del concorso enologico “Calix Aureus 2012”, organizzato lo scorso agosto dall’assessorato allo Sviluppo economico e all’Agricoltura della Regione Lazio e da Unioncamere Lazio con l’obiettivo di mettere in luce la migliore produzione del territorio ai fini della promozione in Italia e all’estero. Alla selezione hanno partecipato 69 aziende vitivinicole del Lazio, per un totale di 237 etichette.

Tre sono state le commissioni di valutazione, composte da cinque componenti ciascuna, di cui tre tecnici, un esperto e un rappresentante della ristorazione. Il coordinamento è stato curato dal professor Luigi Odello del Centro studi assaggiatori.
Le commissioni hanno degustato i campioni il 22 e il 23 ottobre in fase di preselezione. Il giorno 24, come da regolamento, si è svolta la selezione finale.  Al termine della preselezione, le etichette che hanno ottenuto il punteggio minimo di 80/100 sono risultate 108. Al termine della selezione finale, i vini che hanno ottenuto un punteggio compreso tra 87 e 89/100 sono stati dichiarati ex aequo: ad essi, 38 in tutto, è stato rilasciato un diploma di merito. I vini che hanno ottenuto un punteggio minimo di 90/100, dieci in tutto, hanno ricevuto il premio speciale “Calix Aureus 2012”.

Top_ten_vini_Lazio

«Lo sforzo di valorizzare il settore vitivinicolo del Lazio richiede azioni mirate e organiche. In questa ottica il concorso “Calix Aureus” rappresenta una specifica iniziativa volta a promuovere le capacità di uomini e imprese del nostro territorio. La strada della qualità, infatti, è l’unica da perseguire per superare l’attuale crisi economica, mantenere competitivi i prodotti sui mercati e vivo il comparto dell’export», ha dichiarato Pietro Di Paolo, assessore allo Sviluppo economico e all’Agricoltura della Regione Lazio.

«Nell’ambito di un costante impegno di valorizzazione delle filiere produttive, il sistema camerale laziale sostiene la crescita del comparto agroalimentare con l’obiettivo ultimo di rendere le imprese del nostro territorio più competitive sia sul mercato nazionale che su quello globale. L’iniziativa “Calix Aureus” rientra a pieno titolo in questa strategia di valorizzazione dei nostri prodotti tipici, in questo caso vini, spesso di assoluta eccellenza”, ha dichiarato Giancarlo Cremonesi, presidente di Unioncamere Lazio e Camera di Commercio di Roma.

«Dai risultati del concorso si intravedono segnali incoraggianti per i prodotti veramente originali e di qualità. L’impegno comune delle Istituzioni per individuare e premiare questi vini valorizzandoli con adeguate azioni promozionali, va nella giusta direzione e sono orgoglioso che per la realizzazione dell’evento sia stato chiesto ad ARM di mettere a disposizione  il proprio know-how tecnico», ha dichiarato Aldo Mattia, presidente dell’Azienda Romana Mercati.

Potrebbero interessarti anche