Rai, via libera dal Cda a nuovi direttori

cavallo-rai-mazzini-SLIDOrfeo sulla plancia del Tg ammiraglia. Leone a Rai1, Angelo Teodoli Rai2, Andrea Vianello Rai3

 

ROMA – Il Consiglio di amministrazione della Rai ha approvato, su proposta del direttore generale Luigi Gubitosi, la nomina dei direttori delle tre reti di viale Mazzini: Giancarlo Leone sarà direttore di Rai1, Angelo Teodoli direttore di Rai2, Andrea Vianello direttore di Rai 3. Marcello Ciannamea è stato nominato direttore Palinsesto.

Il Consiglio ha approvato anche la cancellazione della Direzione Rai Intrattenimento e la confluenza delle relative attività e del personale da quest’ultima all’interno delle singole reti. Queste delibere saranno operative a partire dal 1° gennaio 2013.

Il Cda ha inoltre approvato la nomina, per cinque voti a quattro, di Mario Orfeo direttore del Tg1 al posto di Alberto Maccari, che lascia l’azienda per raggiunti limiti d’età. Hanno votato contro Luisa Todini, Antonio Pilati, Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi.

Il direttore de Il Messaggero era indicato da diverse settimane come uno dei papabili all’incarico di direttore della testata ammiraglia Rai, insieme a Marcello Sorgi, già direttore del Tg1, e a Monica Maggioni, interna alla testata.

Napoletano, 46enne, Mario Orfeo torna per la seconda volta a dirigere un tg del servizio pubblico, questa volta quello della rete ammiraglia: il Tg1.

Dal 23 luglio 2009 al 21 marzo 2011 è stato infatti alla guida del Tg2, dove fu nominato su proposta dell’ allora direttore generale della Rai Mauro Masi, in quell’occasione con voto unanime del consiglio di amministrazione. Il 28 marzo del 2011 ha poi assunto la direzione del quotidiano ‘Il Messaggero’, incarico che ha ricoperto fino ad oggi.

Alla guida del Tg2, Orfeo era arrivato dalla direzione del Il Mattino, il quotidiano di Napoli che dirigeva dal 2002. Sette anni prima, infatti, Orfeo era succeduto a Paolo Gambescia (chiamato a dirigere ‘Il Messaggero’) diventando, a meno di 30 anni, uno dei più giovani direttori della carta stampata italiana.

Prima di arrivare al vertice del ‘Mattino’, Orfeo è stato caporedattore centrale di ‘Repubblica’. Proprio nel giornale fondato da Eugenio Scalfari, infatti, ha iniziato la sua carriera: prima nella redazione di Napoli, e dopo quattro anni è approdato alla sede principale di Roma, dove è stato anche capo della redazione politica.

Nelle tre reti generaliste, arrivano invece Giancarlo Leone, Angelo Teodoli e Andrea Vianello. GiancarloLeone, attualmente alla direzione intrattenimento, voluta dall’ex dg Lorenza Lei e destinata ad essere smantellata, sostituisce a Rai1 Mauro Mazza, che assumerebbe la presidenza di Rai Cinema. La nomina di quest’ultimo dovrebbe avvenire nel Cda di metà dicembre.

Angelo Teodoli, già vicedirettore di Rai1 e ora a capo dei palinsesti, succede invece a Rai2 a Pasquale D’Alessandro, che potrebbe ottenere la direzione di un canale digitale. A Rai3 Andrea Vianello, conduttore di Agorà, prende il posto di Antonio Di Bella, che tornerebbe nel ruolo di corrispondente dall’estero, questa volta da Parigi. Il vicedirettore del marketing Marcello Ciannamea passa infine alla direzione palinsesti.

Il nuovo Regolamento dei lavori consiliari non ha ottenuto invece il via libera da parte del Consiglio di amministrazione. Infine, il Consiglio di amministrazione ha espresso un ringraziamento unanime ai direttori uscenti Mauro Mazza, Pasquale D’Alessandro, Antonio Di Bella e Alberto Maccari per il lavoro svolto.

Potrebbero interessarti anche