10:51 | Carburanti, Eni, Shell e Tamoil ribassano. Benzina sotto 1,8 euro/litro, diesel sotto 1,75

Al quarto calo consecutivo delle quotazioni internazionali, questa mattina i prezzi alla pompa iniziano a scendere sul serio. A muoversi, dopo oltre un mese di stasi, è Eni che, per la prima volta dall’inizio di luglio, scende sotto quota 1,8 euro/litro (media nazionale in modalità servito). Sulla scia del market leader si mettono subito Shell e Tamoil.

Il prezzo internazionale della benzina ha chiuso ieri a 541 euro per mille litri (-7), quello del diesel a 607 euro per mille litri (-10). Nelle ultime quattro sessioni il calo complessivo è stato rispettivamente di 2,5 centesimi per la benzina e 2,9 centesimi per il diesel.

Scendono dunque le medie ponderate nazionali dei prezzi consigliati in modalità servito tra le diverse compagnie: la benzina è a 1,798 euro/litro (-0,5 centesimi), il diesel a 1,759 euro/litro (-0,6 centesimi). Fermo il Gpl a 0,864 euro/litro. Lieve aumento per il metano auto a 0,990 euro/kg (+0,1 centesimi).

Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina hanno messo mano ai listini Eni, Shell e Tamoil. Per il market leader registriamo un ribasso di un centesimo su entrambi i prodotti. Si tratta del primo intervento di Eni sui prezzi consigliati dallo scorso 4 novembre (un’altra riduzione, anche allora, di due centesimi su entrambi i prodotti).

Seguono le orme del Cane a sei zampe anche Shell (-2 centesimi su entrambi i prodotti) e Tamoil (-1 centesimo).

Potrebbero interessarti anche