12:02 | Da domani finte multe del Codacons per un ‘Natale senza traffico’

A Roma parte domani la campagna del Codacons ‘Natale senza traffico – Rieduchiamo i romani’,
l’iniziativa per migliorare la vivibilità della città nei giorni delle feste natalizie, ridurre lo smog e garantire ai cittadini di girare per le vie dello shopping in tutta serenità e senza subire il consueto traffico della capitale.

“Dall’8 al 23 dicembre – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi – decine di volontari dell’associazione gireranno per le principali vie dello shopping natalizio, alla ricerca di automobili in doppia fila, in divieto di sosta, o parcheggiate in modo da generare traffico. Tutte le violazioni del Codice della Strada tese a danneggiare la viabilità, verranno punite con una contravvenzione elevata dai volontari Codacons e lasciata sul parabrezza delle automobili. Una copia di tali multe – dice ancora Rienzi – verrà poi inviata alla Polizia Municipale di competenza ai fini della emissione del reale verbale di infrazione”.

Tra le strade oggetto del monitoraggio ci saranno Via Cola di Rienzo, Via Tuscolana, Viale Jonio, quartiere Monti, Via Appia, Viale Europa, Viale Marconi.

Sulla multa elevata dai rilevatori Codacons apparirà scritto: ‘Gentile Trasgressore, questo verbale
sarà trasmesso ai Vigili Urbani perché le inviino la sanzione prevista dalla legge, ma la preghiamo di considerare che è solo diretta a migliorare la vivibilità della città’.

‘Lo smog prodotto dall’eccesso di auto in città uccide milioni di persone ogni anno e danneggia anche la sua salute e quella dei suoi familiari. Se questa sanzione servirà a diminuire tali effetti sarà anche grazie a noi e a lei’.

“Lo scopo della campagna – spiega il Codacons – è quello di ‘rieducare’ i romani durante in Natale, invitandoli a comportamenti stradali più civili nell’ interesse della città e degli utenti. Chi parcheggia in doppia fila, infatti, non solo viola il Codice della Strada, ma realizza un malcostume che genera traffico, alimenta lo smog e produce un danno alla collettività e alla città stessa”.

Potrebbero interessarti anche