17:12 | Sanità, San Raffaele: Regione non paga, chiude Rocca di Papa

“In assenza di alcuna notizia o determinazione certa da parte della Regione Lazio riguardo la richiesta di pagamento, in questa fase di emergenza, dei soli costi minimi di funzionamento (personale, medicinali, presidi sanitari) delle strutture di San Raffaele S.p.A. nella Regione Lazio, nonostante il credito di oltre 260 milioni di euro che il Gruppo vanta nei confronti della Regione per mancati pagamenti di prestazioni già erogate, la società si vede costretta oggi, a comunicare la cessazione delle attività del San Raffaele Rocca di Papa, in aggiunta a quella del San Raffaele Cassino, Villa Buon Respiro di Viterbo e San Raffaele Montecompatri”. Lo si legge in una nota del Gruppo San Raffaele.

A Rocca di Papa chiuderanno 255 posti letto di cui 95 di Lungodegenza, 80 di RSA, 16 di Hospice residenziale e 64 domiciliare per malati terminali. Nella struttura operano 206 lavoratori. Inoltre, in conseguenza della chiusura di questi quattro presidi ospedalieri, “si è reso necessario un significativo ridimensionamento della struttura centrale del Gruppo, che fornisce supporto a quelle periferiche nelle attività amministrativo-contabile, logistica e risorse umane; i lavoratori ai quali, in questo caso, verrà comunicata la cessazione del rapporto di lavoro, sono 130”.

I provvedimenti di oggi portano, ricorda il San Raffaele, “a oltre 1200 i posti letto sottratti alla disponibilità dei cittadini e a 1500 i posti di lavoro persi, senza considerare l’impatto sull’indotto”.

Il Gruppo San Raffaele “è profondamente scosso dalle decisioni che, suo malgrado, ha dovuto assumere ma, in mancanza di pagamenti immediati da parte della Regione Lazio, come più volte ribadito, non e’ più in grado di far fronte agli impegni economici necessari a garantire la continuità assistenziale nelle sue Strutture”.

Potrebbero interessarti anche