Frati sotto il fuoco incrociato della Procura

Frati_LuigiIndagato per errata somministrazione farmaci e denunciato per assenteismo da 22 pazienti

 

ROMA – Il rettore dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma Luigi Frati, che è anche direttore del reparto di oncologia del Policlinico Umberto I è stato iscritto nel registro degli indagati per il reato di lesioni colpose.

Il procedimento che coinvolge Frati si riferisce alla vicenda di Serenella Bendia, di 54 anni ricoverata per un carcinoma all’intestino alla quale, secondo quanto ritiene il magistrato è stato somministrato un farmaco sbagliato. L’indagine è stata svolta dal pm Paolo Ielo che ora ha concluso le indagini sulla vicenda notificando al rettore la conclusione delle indagini.

L’accusa ipotizzata per il rettore si riferisce al fatto che egli è responsabile del reparto in cui è ricoverata la Bendia. Secondo l’accusa a questa ricoverata, lo scorso giugno, secondo quanto emerso dall’indagine, fu somministrato Oxaliplatino, medicinale al quale era allergica.

A provocare l’indagine tra l’altro alcune correzioni nella cartella clinica della paziente che ha rischiato la vita proprio per l’errore e che poi ha presentato una denuncia alla Procura della Repubblica.

Questo procedimento si aggiunge alla denuncia di 22 pazienti dello stesso reparto di Oncologia e loro parenti che dichiarano di essere “pronti a testimoniare, sotto la nostra responsabilità, che il prof. Luigi Frati non è mai stato presente in reparto. Nessuno di noi è mai stato visitato da colui il quale, essendo il nostro primario, avrebbe dovuto assumersi la responsabilità legale e morale dei nostri protocolli terapeutici”.

Potrebbero interessarti anche