TI Media, scende il prezzo dell’eventuale vendita

TI_Media_sliderAttesa per il Cda di Telecom Italia fissato per il 17 gennaio. Pesante deficit dei conti 2012

 

ROMA – Strada in salita per TI Media, dopo i rumors che parlano di una flessione del 18% dei ricavi pubblicitari per l’area televisiva a circa 175 milioni di euro nel 2012. Secondo quanto riporta Key4biz, si sarebbe verificato uno scollamento tra attese e risultati sul fronte dei ricavi, che non migliora il quadro economico della società. Di certo non appare in grado di facilitare il dialogo con i potenziali acquirenti a cui il Cda della controllante Telecom Italia aveva appena chiesto “condizioni migliorative al fine di presentare al Cda delle offerte vincolanti definitive”.

I primi 9 mesi del 2012 si sono chiusi con un rosso di 53,8 milioni di euro, 38,9 milioni in più rispetto alla perdita dell’anno precedente e non è escluso che il deficit annuale possa superare il muro dei 100 milioni. I risultati consolidati di novembre confermano d’altronde il trend negativo in termini operativi e d’indebitamento già evidenziato a settembre.

Come si ricorderà, in lizza per l’acquisto degli asset – La7, Mtv e i tre multiplex per il digitale terrestre – restano Clessidra e Cairo Communications, che però non intendono ritoccare le loro offerte. Clessidra vorrebbe spendere 300 milioni di euro per l’intero pacchetto, mentre Cairo mira solo a La7 per 100 milioni. Per la decisione di Telecom bisognerà attendere il Cda in agenda il prossimo 17 gennaio. E non è da escludere che, nonostante la volontà di non voler svendere gli asset, Telecom alla fine sia costretta ad accettare un’offerta al di sotto delle stime di mercato. Intanto cominciano a circolare le prime voci su una possibile alleanza tra i due pretendenti.

Nonostante il cambio di management (Severino Salvemini è stato posto alla guida di La7, mentre Marco Ghigliani è stato indicato alla carica di amministratore delegato di TI Media), al momento prevale l’impressione di una divaricazione significativa tra il valore di mercato e le attese di Telecom Italia. TI Media infatti capitalizza in Borsa 242 milioni, aggiungendo il debito di 224 milioni il valore d’impresa sarebbe di 466 milioni, superiore ai valori che circolano oggi.

Potrebbero interessarti anche