Scommesse sportive, nel 2012 spesi 680 milioni

scommesse_illegali_calcioAll’erario vanno 158 milioni. Sulla Serie A un quarto delle giocate sul calcio dove però pesano le inchieste

 

ROMA – Nel 2012 le scommesse sportive hanno incassato 3,94 miliardi, con una spesa effettiva – giocate al netto delle vincite – di 680 milioni di euro. Il payout – quanto tornato in vincita agli scommettitori – si attesta all’82,9% (contro il 77,26 del 2011), pari a 3,26 miliardi. L’imposta media sulle scommesse è stata del 4,03%, un valore inferiore agli anni precedenti (lo scorso anno era del 4,14%) visto il maggiore impatto sulla raccolta delle scommesse singole e live, che beneficiano di una tassazione leggermente inferiore alle giocate ‘multiple’. L’erario ha beneficiato di 158 milioni di euro, mentre i concessionari di gioco hanno registrato un margine di 514,7 milioni.

Tra gli avvenimenti singoli più scommessi del 2012 stravincono le partite dell’Italia agli Europei, ma complessivamente la manifestazione in Polonia e Ucraina ha raccolto solo il 4,4% (154,6 milioni di euro) delle giocate sul calcio, che ammontano complessivamente 3,4 miliardi.

E’ invece la Serie A la protagonista delle scommesse calcistiche sui campionati singoli, con il 23,5% del volume totale (807 milioni) secondo le elaborazioni di Agipronews sui dati Aams; nel report dei Monopoli di Stato spicca anche il dato del gruppo “Altri” nel quale sono compresi gran parte degli avvenimenti minori in palinsesto (campionati nordici, dell’est Europa, americani, seconde divisioni, ecc.) che totalizzano il 27% con 939 milioni. Come manifestazioni singole, la Serie bwin è seconda al 9,1% (316 milioni), mentre sul terzo gradino del podio c’è la Champions League al 7% (241 milioni). Tra i campionati esteri, la Premier League è la più scelta (5% a 174 milioni), la Liga si piazza al 4,3% (148 milioni), dietro gli Europei e quasi alla pari con l’Europa League (149 milioni).

Nel 2012 le scommesse sul calcio hanno raccolto 3,43 miliardi di euro, pari all’87,1% del totale (3,9 miliardi), un dato percentuale sceso del 5% rispetto al 2008, quando le scommesse sportive sul calcio totalizzavano il 92,2% della raccolta.  Un dato su cui potrebbero aver pesato le inchieste legate alle combine sportive, che hanno interessato alcuni dei principali campionati. Secondo i Monopoli di Stato il maggior calo di interesse per le manifestazioni nazionali è relativo ai campionati di Lega Pro, passati da una raccolta di 180 milioni di euro nel 2008 ai 130 milioni di euro nel 2012.

Alle spalle del calcio, tra gli sport più giocati, il tennis con 203,7 milioni di euro, pari al 5,1% della raccolta totale, seguito dal basket con 169 milioni (4,3%). chiudono la top five il volley con 51 milioni (1,3%) e l’hockey sul ghiaccio (0,43%) a 16,9 milioni, come l’automobilismo (0,42% a 16,7 milioni).

Una sfida “classica” del basket italiano è presente ben due volte sul podio degli eventi più giocati nel 2012. In cima alla top ten delle scommesse sulla pallacanestro c’è la partita tra Pesaro e Milano del 4 giugno (480 mila euro). Le due squadre si sono incontrate anche il 10 dicembre (322 mila euro), per un importo totale di oltre 803 mila euro. Da segnalare anche la presenza, al quarto posto, del match tra Brindisi e Pistoia per la promozione in Serie A1 (374 mila euro).

Potrebbero interessarti anche